Italia

Chiama l’orsetto Maometto, rischia il carcere

orsetto di pelucheKHARTOUM (Sudan). Tutto ha avuto inizio a settembre, durante una lezione di scienze.Oggi, dopo circa tre mesi, l’insegnante inglese Gillian Gibbons si trova rinchiusa in un carcere sudanese.

La maestra di Liverpool, trasferitasi a Khartoum ad agosto, dopo la fine del suo matrimonio, per insegnare in una scuola britannica, la “Unity”, stava discorrendo di animali e piante con i suoi alunni, una classe mista di cristiani e musulmani di 6 e 7 anni, e aveva chiesto ad una bambina di portare in classe un orsacchiotto. Veniva indetta una votazione per dareil nome al peluche e, con un plebiscito di 20 preferenze su 23, i piccoli sceglievano “Maometto”. Ogni bambinoaveva portatol’orsetto Maometto a casa per un week-end, trascrivendo tutto ciò che facevano in compagnia del nuovo amico, stilando così un diario: “Il mio nome è Maometto”. Alcuni genitori hanno ritenuto offensiva quest’iniziativa della Gibbons, denunciandola alla polizia sudanese, che ha poi proceduto all’arresto. L’insegnante britannica è in carcere e rischia 40 frustate in pubblico e 6 mesi di prigione perché accusata di “incitamento all’odio”, di “vilipendio alla religione” e di “oltraggio alle credenze religiose”. Intanto, da Londra è intervenuto il primo ministro, Gordon Brown, che si è prodigato per la scarcerazione della concittadina riferendo che l’ambasciatore sudanese nella capitale britannica è stato convocato presso il ministero degli Esteri per discutere della vicenda.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico