Aversa

Cambia la “geografia” consiliare

consiglio comunaleAVERSA. Cambia la geografia consiliare all’interno dell’assemblea cittadina. Ieri sera il consiglio comunale, prima di dilungarsi nella discussione sull’assestamento e il difensore civico, ha preso atto delle modifiche interne ai gruppi consiliari.

Tre i nuovi raggruppamenti. Il primo, quello cui hanno confluito gli otto consiglieri comunali di Forza Italia (Nicola Verde, Nicola Andreozzi, Domenico Campochiaro, Carlo Moroso, Mario Tozzi, Elia Barbato, Francesca Marrandino, Antonio De Michele) si chiamerà “Forza Italia verso il partito dei moderati e dei liberali”, ovvero a un passo dalla nuova formazione politica di Silvio Berlusconi. Sul fronte del centrosinistra, invece, solo il consigliere Francesco Gatto ha aderito al Partito Democratico, mentre Raffaele Pellegrino, eletto in quota Ds, si è dichiarato indipendente. Indipendente anche Giuseppe Stabile che, giunto in ritardo, non ha fatto alcuna dichiarazione di appartenenza ad altro gruppo, malgrado abbia candidato un suo uomo, Sammy Pezone, alle primarie del Partito Democratico. Inoltre è stato costituito il “Gruppo della Libertà” nel quale sono confluiti i consiglieri eletti nella civica “Città della Libertà”, Nicla Virgilio, Alfonso Oliva, il consigliere indipendente, Stefano Di Grazia, il gruppo “Aversa Popolare” con Giovanni Marino. Confermata alla carica di capogruppo la Virgilio, così come è stata confermata la fiducia agli assessori di riferimento, Nicola De Chiara e Antonio Di Santo. Nessuna novità sul fronte Udeur, per cui Santulli è rimasto unico consigliere, così come Mario Abbate è rimasto nell’Udc. Dopo le rituali dichiarazioni per la formazione dei nuovi gruppi, il civico consesso ha approvato il rendiconto di gestione 2006 e l’assestamento del bilancio di previsione 2007. Inoltre, è stata approvata la modifica al regolamento del difensore civico fissando determinati requisiti, tra i quali il possesso della laurea in giurisprudenza (conseguita con il vecchio ordinamento), e due anni di esperienza nella Pubblica amministrazione.Per evitare le polemiche che ci sono state nei mesi scorsi, è stato stabilito che il mandato può essere ripetuto solo una volta per un massimo di sei anni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico