Italia

USA amari per il deltaplano, a D’Arrigo un monte in Sicilia

DeltaplanoTEXAS. Non ce l’ha fatta l’Italia del deltaplano a rimontare Gran Bretagna, Francia ed Austria ed agganciare un gradino del podio dei campionati del mondo a Big Spring, in Texas. L’operazione sembrava possibile per l’impegno degli azzurri che si aggiudicavano le ultime tre manches.

Solo il quarto posto a squadre, quindi, ed il quinto nella classifica individuale grazie al trentino Alex Ploner, migliore di una squadra combattiva formata da Elio Cataldi di Treviso Christian Ciech, trentino trapiantato a Varese, Filippo Oppici di Parma, Tullio Gervasoni di Brescia e Guiducci Davide di Reggio Emilia. Il titolo mondiale è andato all’ungherese Attila Bertok, seguito dalla coppia austiaca Robert Reisinger e Gerolf Heinrichs. Miglior donna in gara Corinna Schwiegerhausen, tedesca. Alla competizione hanno preso parte 109 piloti di 25 nazioni. Dieci i giorni di gara previsti, ma solo sette prove sono state disputate, annullate le altre per cattivo tempo. Ogni giorno un percorso diverso tra i 150 e 285 km, tragitti contrassegnati da punti predeterminati sul territorio da aggirare e certificare tramite GPS. L’appuntamento è tra due anni a Laragne (Francia), ambiente alpino, ben diverso dalle distese del Texas e più consono alla pratica del volo senza motore che sfrutta le correnti d’aria ascensionali per guadagnare quota e percorrere molti chilometri. Nel frattempo a Palma di Montechiaro (Agrigento) l’amministrazione comunale ha intitolato ad Angelo D’Arrigo il pizzo di Montegrande, una collina contrassegnata da antiche zolfare, posta a fianco del Castello. Angelo D’Arrigo è ricordato come il primo pilota di deltaplano a scavalcare l’Everest nel maggio del 2004. Precedevano e sono seguiti all’impresa voli lungo le rotte dei falchi, delle gru siberiane e dei condor che lo hanno portato a solcare i cieli del Mediterraneo, Siberia, Mar Caspio e Sud America.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico