Sant’Arpino / Politica

Convocato Consiglio Comunale

(Visualizzato 934 volte)

Palazzo DucaleSANT’ARPINO. Il Presidente del Consiglio Comunale, Oreste Perrotta, ha convocato per il giorno 2 maggio 2007, alle ore 19,nel la Sala Consiliare, il civico consesso per discutere di 5 punti all’ordine del giorno…

1. Approvazione Conto Consuntivo;
2.Emendamento al bilancio di previsione esercizio finanziario 2007;
3. Approvazione relazione revisionale e programmatica bilancio 2007 –
Approvazione bilancio annuale 2007 e biennale 2007- 2009 – Approvazione piano opere pubbliche;
4. Regolamento edilizio – Esame osservazioni – Provvedimenti;
5. Modifica Regolamento parchi e giardini pubblici.

L’assise cittadina si concluderà con una relazione del Sindaco, Giuseppe Savoia. Venerdì 4 maggio, inoltre, è stata convocata dal primo cittadino e dall’Assessore alle Giuseppe SavoiaPolitiche del Territorio, Roberto Iavarone, ai sensi dell’art. 47, 1° comma della legge regionale n° 16/2004, una riunione pubblica sulla Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.), ai fini della predisposizione della proposta di PUC (Piano Urbanistico Comunale).Prima della redazione del PUC, infatti, così come prevede l’innovativa legge in materia, occorre avviare consultazioni con le organizzazioni sociali, culturali, economico – professionali, sindacali ed ambientaliste di livello provinciale e regionale, quali momento fondamentale di scambio di informazione. In tale occasione saranno distribuiti ai cittadini dei questionari informativi e conoscitivi che serviranno a raccogliere idee utili, individuare argomenti propositivi e criticità ritenuti significativi per la valorizzazione e lo sviluppo del territorio. “Il questionario, sotto forma di opuscolo informativo – fanno sapere Savoia e Iavarone – sarà recapitato ai cittadini a mezzo posta unitamente allo speciale SOL, tutto dedicato all’ampliamento del cimitero. Il quadro conoscitivo, alla luce del dettato di legge, è davvero molto importante – concludono gli amministratori – al fine di operare scelte largamente condivise dalla popolazione locale che è chiamata a partecipare allo sviluppo del proprio territorio”.

I più letti

Ultimi Commenti