Orta di Atella / Società

Fondi per gli affiti, il Comune emana il bando

(Visualizzato 1176 volte)

Salvatore Del PreteORTA DI ATELLA. L’impegno dell’amministrazione comunale di Orta di Atella guidata dal sindaco Salvatore Del Prete nel settore delle politiche sociali prosegue senza interruzioni.

Con una delibera di giunta, infatti, l’esecutivo di viale Petrarca ha approvato il bando di concorso per accedere ai contributi integrativi ai canoni di locazione per l’anno 2004. In seguito all’integrazione del fondo nazionale per l’accesso alle abitazioni private, la regione Campania ha destinato vari milioni di euro a favore delle famiglie meno abbienti per quanto riguarda i contributi per i fitti. L’ente partenopeo ha deliberato di ripartire la somma tra vari comuni della Regione che ne hanno fatto richiesta, fra cui appunto Orta di Atella. L’amministrazione comunale, grazie al sindaco Del Prete, ha recepito in pieno le finalità sociali del provvedimento che viene fattivamente incontro ai cittadini affittuari che non hanno grosse capacità economiche per fronteggiare l’onere dell’affitto. A beneficiarne saranno i cittadini sottoposti al regime abitativo d’affitto, titolari per l’anno 2004, di un contratto di locazione ad uso abitativo regolarmente registrato e che abbiano altri specifici requisiti richiesti dalla legge. Le domande di partecipazione degli aspiranti beneficiari saranno portate al vaglio dei competenti uffici comunali per la formazione Municipio di Ortadella graduatoria (in funzione del reddito pro-capite risultante dalla differenza tra reddito imponibile fiscale e valore locativo annuale). Inoltre con l’approvazione del bilancio di previsione 2007, avvenuto nel corso del consiglio comunale di tre venerdì fa, si delinea meglio il quadro d’interventi predisposto dall’esecutivo cittadino in quanto a politiche sociali. Un documento che ha assegnato una consistente quota di disponibilità economiche alle politiche sociali: continueranno ad essere erogati, infatti, servizi fondamentali, fra cui l’assistenza domiciliare e scolastica ai portatori di handicap, il ricovero di minori a rischio e di anziani in difficoltà economiche presso strutture idonee, la fornitura di testi scolastici, il trasporto scolastico, l’assistenza domiciliare, la concessione di canoni per la locazione di abitazioni e l’assistenza domiciliare ai nuclei familiari.

I più letti

Ultimi Commenti