Cronaca

Truffa con bonus edilizi, maxisequestro da 772 milioni tra Napoli e Caserta

di Redazione

Oltre 772 milioni di euro di crediti ritenuti frutto di una maxitruffa messa a segno con i bonus edili e i canoni di locazione, previsti nel cosiddetto Decreto Rilancio”, sono stati sequestrati preventivamente dalla Guardia di finanza di Frattamaggiore (Napoli) dopo indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord. – continua sotto – 

Sono 143 le persone fisiche e giuridiche coinvolte nella presunta truffa, individuate tra province di Napoli e Caserta. Tra i titolari dei crediti frutto di ristrutturazioni mai eseguite anche un detenuto, parcheggiatori abusivi, persone senza partita Iva, imprenditori ‘per un giorno’ e soggetti ritenuti secondo le indagini legati ai clan.

A coordinare l’indagine della Guardia di Finanza l’ufficio inquirente che ha sede ad Aversa (Caserta) del procuratore di Napoli Nord Maria Antonietta Troncone. “L’attività illecita oggetto di accertamento – spiega il magistrato in una nota – che realizza un comportamento delittuoso già in precedenza monitorato, è di tale gravità, per l’elevatezza delle somme negoziate, da poter concretamente determinare un sensibile nocumento alle risorse pubbliche, depauperate e distolte dalla loro corretta destinazione alla riqualificazione del patrimonio immobiliare nazionale e all’attuazione della transizione ecologica, obiettivi di fatto divenuti di più difficile conseguibilità”.

Oggi i militari hanno eseguito un decreto di sequestro di crediti, emesso dal gip di Napoli Nord, del valore di 772.400.276 euro. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico