Società

Polizia, Cesario Bortone riconfermato alla guida del sindacato Consap

di Redazione

Cesario Bortone è stato riconfermato alla guida della Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia (Consap) nel corso del Consiglio Nazionale che si è svolto a Casal di Principe (Caserta) in un bene confiscato alla criminalità. – continua sotto –

“Ci stiamo riappropriando della legalità anche in questi territori – ha detto il rieletto segretario generale nazionale della Consap, originario di Cesa (Caserta) – e come sindacato abbiamo voluto dimostrarlo nei fatti con un Consiglio Nazionale che io stesso, con soddisfazione di tutta l’organizzazione sindacale, ha voluto fosse celebrato in un bene confiscato che oggi rivive grazie ad una cooperativa di ragazzi, volenterosi, coraggiosi e onesti. L’unanimità che mi hanno voluto riconoscere colleghe e colleghi di tutta Italia la userò per perorare le richieste dei poliziotti in ambito ministeriale come fu per la previdenza integrativa, chiesta da noi della Consap il giorno della mia prima elezione ai vertici del sindacato Consap che oggi sta divenendo realtà, portando serenità nel futuro a chi è oggi in servizio”.

L’incontro del sindacato è stato aperto con un video-messaggio di saluto della vice capo vicario della Polizia di Stato, Maria Luisa Pellizzari, che ha sottolineato come la scelta di questa location, un patrimonio confiscato, sia la sintesi dell’impegno di tutta la Polizia di Stato al servizio dei cittadini “E per questo – ha detto – ringrazio a nome di tutto il Dipartimento della Pubblica Sicurezza e mio personale, il vostro sindacato ed il vostro leader”.

La crescente affermazione della cultura della legalità è stato il leit motiv di tutti gli interventi delle personalità presenti. Il questore di Caserta, Antonino Messineo, ha indicato la prossima apertura di un commissariato a Casal di Principe, anch’esso in un bene confiscato, come la contrapposizione positiva fra “i segni del potere, che caratterizzano l’arroganza della criminalità verso i cittadini ed il potere dei segni, la presenza di un presidio di polizia è il potere di un segno, di una mano tesa che la Polizia di Stato porge alla società civile ed onesta”. – continua sotto –

Da parte sua, il sindaco di Casal di Principe, Renato Franco Natale, ha commentato: “I beni appartenuti ai capoclan e oggi a disposizione dello Stato non li considero patrimoni confiscati ma patrimoni liberati ed è in un patrimonio liberato divenuto Commissariato di Polizia, spero presto di poter inaugurare questo presidio tanto atteso da me e da tantissimi cittadini di Casal di Principe”.

Un consiglio nazionale nel segno della riaffermazione della legalità quello della Consap al quale hanno partecipato, oltre al questore ed al sindaco due poliziotti eroi, Nicola Barbato e Nicola Grimaldi, il dirigente della Polizia Locale di Arzano, Biagio Chiariello, e il dirigente in quiescenza già capo del Commissariato di Polizia di Aversa, Vincenzo Gallozzi, tutti loro sono stati omaggiati con il vessillo ufficiale della Consap come segno di vicinanza.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico