Politica

Vertenze Logista Maddaloni e Comdata Marcianise, Articolo Uno: “Situazione surreale, si diano certezze ai lavoratori”

di Redazione

Le vertenze che stanno interessando nel Casertano le lavoratrici e i lavoratori di Comdata, la società con sede a Marcianise che gestisce il servizio di Contact Center dell’Inps, nonché le lavoratrici e i lavoratori del magazzino di Logista a Maddaloni, all’interno dell’Interporto Sud Europa, riguardando il futuro di oltre 1000 famiglie, in una provincia con un tasso di disoccupazione già tra i più alti in Italia, creano un allarme sociale e un problema politico di cui tutte le istituzioni interessate hanno l’obbligo di farsi carico. – continua sotto –

Il coordinamento provinciale di Articolo Uno Caserta sostiene con forza la battaglia dei lavoratori di Logista di Maddaloni, in assemblea permanente dopo l’annuncio da parte della multinazionale spagnola di chiusure, così come rimane accanto ai 900 lavoratori di Comdata di Marcianise, la società che gestisce il servizio di Contact Center dell’Inps, il cui contratto con l’istituto di previdenza scadrà a fine novembre. Due realtà dissimili dal punto di vista delle attività svolte, ma straordinariamente simili circa il contesto che ne vorrebbe determinare il licenziamento.

“I lavoratori di Comdata – spiegano Alessandro Tartaglione e Roberto Iavarone, rispettivamente segretario provinciale e responsabile lavoro di Articolo Uno Caserta – sono impegnati sulla commessa Inps da oltre 20 anni e appellarsi oggi alla inapplicabilità della clausola sociale, dopo i pronunciamenti di Cassazione e Tar Lazio, rende incomprensibile l’atteggiamento del presidente dell’Ente in merito al futuro di queste famiglie. Così come pretestuosa ed incomprensibile appare l’annuncio di Logista, che spedisce e imballa i prodotti del tabacco con un rapporto strategico con i Monopoli dello Stato, di voler sostanzialmente licenziare 100 lavoratori del magazzino di Maddaloni, alla luce dei numeri positivi di bilancio che la stessa azienda ha registrato negli ultimi anni”.

“Saremo impegnati, con la direzione nazionale del partito e con il nostri gruppi parlamentari, affinché – sottolineano da Articolo Uno – siano messe in atto tutte le azioni necessarie al fine di scongiurare quanto annunciato, in un momento già molto critico per non soltanto per le conseguenze della pandemia in atto”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico