Politica

Aversa, dissidenti tornano in maggioranza grazie a intesa Santulli-Villano? Arrivano le smentite

di Nicola Rosselli

Aversa (Caserta) – Vuoi vedere che a quasi un anno dal ribaltone che ha fatto diventare arcobaleno una giunta che doveva essere rosé tutto si ricompone secondo l’italico finale del “volemose tutto bene?”. Vuoi vedere che Paolo Santulli e compagni (non nel senso sinistroso del termine, ma solo di colleghi, amici) rientrano all’ovile? Che vi siano sei figliol prodighi pronti a tornare alla casa paterna? A farlo pensare non solo lo strano comportamento del presidente del Consiglio comunale, Carmine Palmiero, in occasione della seduta di bilancio, ma anche alcuni abboccamenti tra lo stesso Santulli e il vicesindaco Marco Villano, entrambi Pd, che sarebbero stati visti più volte insieme. Insomma, un Villano in veste di pontiere. – continua sotto –

A smentire il tutto entrambi i protagonisti di questa storia che non c’è. “Registro voci secondo cui Villano stia trattando un ritorno in maggioranza che mi riguarda”, ha dichiarato Santulli, per poi continuare: “Tengo a tranquillizzare i ribaltonisti, sono fake news. È vero che condivido con Villano, assessore all’Urbanistica, la possibilità di realizzazione di alcuni progetti di viabilità, in particolare la tangenziale est – ovest”. “Sono cose che già abbiamo condiviso in passato, era il mio capogruppo in consiglio comunale. Noi siamo stati eletti per lavorare per la Città. Anche la posizione critica, definita di ‘dissidenza’ è solo dettata dall’ansia di non far commettere errori. Chi scrive certe cose non conosce i processi della politica”, ha continuato l’ex parlamentare, precisando “Ho lavorato, lavoro e lavorerò, come ho sempre fatto, per Aversa. Maggioranza, minoranza, i cittadini ci hanno scelti per migliorare le condizioni della nostra Città. Anche nelle fasi più aspre del dibattito politico la posizione è sempre costruttiva. Tutti noi passiamo, restano le cose che riusciamo a fare per aiutare il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti”. “Aborro la politica del tanto peggio tanto meglio. Questa scelta – ha concluso Santulli – mi ha portato a tante scelte per le quali oggi mi trovo in questa posizione. Sempre in modo responsabile e dignitoso, lontano da inciuci ed interessi personali. I detrattori sono tanti, ma per tutti noi, soprattutto ad una certa età, parla la nostra storia. Sono abituato alle calunnie, ma sono irriducibile. Chi davvero mi conosce lo sa. Niente controribaltoni ma scelte di alleati sinceri”.

Sulla stessa scia Villano, che ha commentato: “Un auspicio sicuramente, nel rispetto delle idee di ognuno. Ci sono, però, due fatti da tenere in considerazione: il Pd è in maggioranza e sostiene l’amministrazione Golia. Non l’ho detto io, ma la commissione nazionale di garanzia. La seconda è che tutti quelli che amministrano auspicano non solo di trovare intese e convergenze con gli alleati, ma anche con le opposizioni”. “In Consiglio comunale – ha continuato il numero due della giunta Golia – hanno detto delle cose che sono giuste, ma ci si aspetta collaborazione. Questo è il senso della politica. Comunque, non c’è alcuna azione tesa al recupero. Ovviamente, se un consigliere comunale intende collaborare reciprocamente per il bene della città, non mi sottraggo così come i miei colleghi di giunta”.

Insomma, mai dire mai, soprattutto in politica. Ma a raffreddare le meningi di chi scrive ci pensa direttamente il sindaco Alfonso Golia: “Non mi risulta. Le sembra plausibile – afferma il primo cittadino – che si passi dall’annuncio di impugnare le delibere di bilancio a voci del genere? Siamo di fronte all’ennesimo tentativo di destabilizzare una maggioranza che ha dimostrato di essere solida e di aver chiaro cosa serve alla città”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico