Cesa

Cesa e “il ponte di nessuno”. Il sindaco Guida: “Pronti a chiuderlo”

Cesa (Caserta) – Il “ponte di nessuno” come ormai viene chiamato il cavalcavia ferroviario che segna il confine non solo tra Cesa e Sant’Antimo ma anche tra le province di Caserta e Napoli. Di “nessuno” perché da sempre è oggetto di problemi di competenze territoriali che ne pregiudicano la regolare manutenzione e, di conseguenza, lo lasciano in preda all’abbandono sotto il profilo della pulizia, della sicurezza stradale e persino della staticità. Una vicenda raccontata stamani dal sindaco cesano Enzo Guida in diretta a “Buongiorno Regione”, il programma mattutino del Tgr di Rai3, che sarà riproposto anche nell’edizione delle ore 14. – continua sotto – 

Dopo l’ennesimo incidente stradale verificatosi a fine gennaio, il Comune di Cesa stavolta ha deciso di passare alle vie di fatto, coinvolgendo non solo gli Enti interessati ma minacciando la chiusura del ponte nel caso non si trovi una soluzione per la messa in sicurezza della zona. Il ponte è stato costruito dalle Ferrovie. Il Comune ha scritto diverse volte alle Ferrovie dello Stato per sapere se erano state condotte indagini recenti sulla staticità. Alcuni interventi di messa in sicurezza sono stati eseguiti dalle società riconducibili a Ferrovie. Per quanto riguarda la pulizia e la pavimentazione stradale, la Provincia di Caserta si ferma a metà ponte, poi inizia la competenza della città metropolitana di Napoli. Senza dimenticare la questione dei confini “incerti”. – continua sotto – 

“Negli anni passati, – spiega il sindaco Guida – in attesa che venissero definiti questi aspetti, abbiamo chiesto al comune di Sant’Antimo di stipulare una convenzione per dividere a metà il compito di pulire e fare manutenzione. Ma finora un silenzio assordante. Tra l’altro, ci sarebbe da discutere l’ipotesi di un interramento, con la realizzazione di sottopasso in sostituzione del ponte”. Ma il Comune di Cesa può fare poco da solo. “In questi anni – continua Guida – c i siamo preoccupati della pulizia e di fare manutenzione alla meglio anche se non siamo proprietari del ponte. Abbiamo scritto ai diversi Enti per una riunione urgente al fine di stabilire il da farsi. Lo hanno fatto anche i carabinieri di Cesa, chiedendo un intervento di messa in sicurezza. Se non ci saranno risposte immediate, per ragioni di sicurezza, siamo pronti ad assumere una decisione forte, chiudere il ponte al traffico”. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico