Home

Mercato immobiliare, Romano (Re/Max Active): “Governo trascura indotto di un settore che copre un quinto del Pil”

L’inevitabile crisi derivante dalle restrizioni dovute al Covid-19, sta già avendo delle ripercussioni nei più svariati settori. Tra questi, il settore immobiliare, inglobato in quelle che sono state definite “attività secondarie”, potrebbe rischiare un crollo vertiginoso. Una controtendenza in Italia per il Real Estate, che aveva lasciato intravedere, specie nei mesi direttamente precedenti all’arrivo del Coronavirus, dei nuovi spiragli di ripresa, con una maggiore disponibilità delle banche ad erogare mutui.

Dal 10 marzo, per effetto del Dpcm pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 62 del 9 marzo, la categoria è praticamente impossibilitata a svolgere le attività funzionali alla finalizzazione delle trattative, poiché non è consentito utilizzare gli uffici di competenza, né risulta facile fissare appuntamenti per i rogiti con i notai. A ciò si aggiunge la paura crescente, in una buona fetta di mercato, ad investire in immobili, data la totale incertezza sul futuro che tormenta, tra gli altri, non solo gli operai, ma anche gli imprenditori.

Abbiamo chiesto un parere ad Agostino Romano, broker dell’agenzia immobiliare “Re/Max Active” di Aversa (Caserta) e consigliere Confcommercio Campania con delega all’agro aversano: “Non ci sono appuntamenti per vendere o locare le case in genere. – rende noto Romano – Se ci affacciamo al mercato delle locazioni brevi, ci rendiamo conto che è praticamente annichilito. Nessuno progetta le vacanze; le località turistiche stanno avendo sicuramente la peggio. Per quanto inaspettata e stravolgente sia la situazione, è altrettanto vero che la categoria ha cominciato subito a cambiare i modi di operare. Immediato il passaggio allo smart working, ovvero a tutta quella serie di azioni che è possibile svolgere da casa e che permettono, comunque, di restare in contatto con i clienti e di non perdere di vista le loro richieste. Si sta utilizzando sempre più la tecnologia, usufruendo di videochiamate, riunioni online, piattaforme formative, colloqui via Skype, documentazione editabile con firma digitale. Chi si vuole adeguare al futuro, deve assumere un atteggiamento tecnologico. Le stesse visite vengono effettuate in virtual tour. Penso non si tratti di un semplice cambiamento operativo, ma di una vera e propria rivoluzione dai risvolti anche culturali”.

In relazione agli investimenti immobiliari, Romano ritiene sia ancora il momento giusto per valutare un acquisto: “A spingere in questo senso sono i trends discendenti dei prezzi delle case e il ritorno dei tassi di interesse attorno ai minimi storici. Col tempo crescerà la richiesta di immobili di qualità ed ambienti di lavoro che permettano il distanziamento sociale e che garantiscano salubrità”. Il broker si pone un interrogativo importante: “Mi domando perché il Governo non reputi degne di attenzione mediazioni immobiliari ed edilizia, che valgono quasi un quinto del Pil nazionale. L’acquisto e la vendita di un immobile è un bene essenziale per l’umanità e lo dimostra quanto sta avvenendo in America, dove nessun esercizio è stato chiuso. Inoltre, credo sia importante consentire ai clienti di concludere tutte quelle operazioni già avviate prima del virus, oltre che permettere a nuove persone di risolvere problemi di grande spessore. Se si considera lo smart working, risulta ancora meno chiaro il blocco. Vengono giustamente riaperte le librerie, ma perché continuare a tenere a casa i consulenti, non dando loro l’opportunità di operare adeguandosi alle misure emanate? Far ripartire il settore immobiliare, vuol dire dare uno sprono anche a tutti gli altri; sarebbe un passo decisivo per la ripresa dell’economia in Italia. Dietro al mattone, c’è un grande indotto da non trascurare”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico