Home

Inchiostri e tinture per tatuaggi: sequestri del Nas su tutto il territorio italiano

Inchiostri e tinture usati per tatuaggi sono finiti al centro degli accertamenti da parte dei carabinieri del Nas, d’intesa con il ministero della Salute. I controlli si sono svolti su tutto il territorio nazionale con l’ispezione della filiera distributiva con l’intento di verificare qualità e sicurezza dei prodotti.

117 le aziende in cui sono stati prelevati 100 campioni di inchiostro inviati poi ai laboratori per la ricerca di sostanze chimiche, quali “ammine aromatiche” e “idrocarburi policiclici aromatici (Ipa)”. Dalle analisi sono emerse non conformità per 22 campioni e sono quindi stati emanati dal ministero provvedimenti urgenti rivolti a importatori, distributori e utilizzatori sul divieto di vendita e utilizzo di alcuni prodotti.

Contestate, inoltre, 31 infrazioni nei confronti dei responsabili di esercizi commerciali e di centri di tatuaggio dovute a mancanze autorizzative dei locali o degli attestati di formazione degli operatori, carenze igieniche e strutturali delle aree adibite all’applicazione del tatuaggio, detenzione di prodotti privi di etichettatura o contenenti sostanze e inchiostri non idonei e privi delle necessarie garanzie di sicurezza. Sequestrate 248 confezioni di tinture e pigmenti.

Il monitoraggio segue temporalmente un precedente servizio di controllo conoscitivo, svolto tra il 2014 ed il 2015 nell’ambito di un protocollo di collaborazione con il Dicastero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità, che aveva evidenziato 97 campioni di pigmenti per tatuaggi su 318 oggetto di prelievo, con criticità relative alla sterilità dei prodotti.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico