Cronaca

‘Ndrangheta, arrestato il latitante Bruno Crisafi: si nascondeva in Australia

di Redazione

Era latitante del maggio 2016, quando venne condannato al Tribunale di Roma, in primo grado, alla pena di 20 anni di reclusione per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso. A costituirsi, dopo aver trovato rifugio da alcuni parenti in Australia, Bruno Crisafi.

L’arresto dopo una articolata attività di indagine, cominciata nel gennaio del 2015 quando i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma in collaborazione con personale della locale Questura eseguivano, in Italia e Spagna, una misura cautelare personale emessa dal Tribunale di Roma su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 39 soggetti ritenuti appartenenti ad un’organizzazione criminale operante nella Capitale e collegata alle temutissime cosche di ‘ndrangheta “Pelle-Nirta-Giorgi alias Cicero” di San Luca (Reggio Calabria).

Le indagini – coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma – avevano consentito di ricostruire l’operatività nella Capitale di un gruppo criminale che, oltre ad essere specializzato nel narcotraffico internazionale, si era reso responsabile anche di gravi fatti di sangue avvenuti a Roma. In particolare, per quanto riguarda il reato transnazionale, l’unità antidroga del Gico del Nucleo di Polizia Tributaria è riuscita a ricostruire le rotte delle ingenti partite di droga importate nella Capitale riuscendo a sequestrare ingenti partite di cocaina e hashish.

La cellula criminale, forte di propri referenti, stanziati in Colombia e Marocco con il compito di trattare, alla pari, con i locali narcos, era intenzionata a monopolizzare il mercato della droga nella città di Roma diventando referente affidabile anche per altre organizzazioni criminali operanti sul territorio collegate ad altre ‘ndrine ed alla camorra; il tutto per un giro d’affari milionario che, inevitabilmente, avrebbe inquinato il circuito dell’economia legale.

IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico