Cronaca

Salerno, giovane violentata in spiaggia: “Volevo che finissero di torturarmi”

di Stefania Arpaia

Salerno – Ha raccontato della sua terribile esperienza la ragazza stuprata sulla spiaggia di santa Teresa, a Salerno, lo scorso 17 maggio.

La donna, 31 anni, è stata violentata da due uomini che sono stati tratti in arresto. La violenza si è consumata sul litorale salernitano dove la giovane si era recata perchè non riusciva a dormire. “È stato un incubo. Non vedevo l’ora che finisse tutto, volevo solo che anche loro finissero di torturarmi”, ha raccontato la vittima.

Da giorni la ragazza soffriva di insonnia, agitata e preoccupata per un concorso che avrebbe dovuto sostenere ed al quale non ha potuto prendere parte a causa della violenza subita.

Subito dopo l’aggressione, la ragazza è stata soccorsa dai medici del 118. Un amico, con cui la giovane è riuscita a mettersi in contatto, ha invece chiamato i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Salerno che hanno arrestato un uomo, di origini marocchine sui 30 anni senza fissa dimora. Il complice, riuscito a fuggire, è stato arrestato solo in un secondo momento.

La situazione pare sia precipitata nel momento in cui la giovane dopo aver parlato con gli stranieri stava per salutarli, i due le hanno chiesto 50 euro, lei si è rifiutata e così l’hanno presa con la forza e trascinata sulla spiaggia, dove l’hanno violentata a turno, ripetutamente. L’arresto del secondo aggressore è avvenuto mercoledì alle 19:30 in Piazza della Concordia.

I due uomini sono stati condotti nel carcere di Fuorni e dovranno rispondere di violenza sessuale. Il pubblico ministero potrebbe richiedere anche l’aggravante del reato di sequestro di persona.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico