Cronaca

Pasticciere di Pomezia rapito sotto casa, 8 arresti a Messina

di Redazione

Messina – I carabinieri di Messina hanno arrestato otto catanesi che avevano sequestrato un pasticciere 63enne di origini siciliane, residente a Pomezia, in provincia di Roma.

L’uomo, nel primo pomeriggio del 3 marzo scorso, mentre si trovava nei pressi della sua abitazione in località Torvajanica, è stato avvicinato con una scusa da due persone che, dopo averlo prelevato contro la sua volontà, con violenza erano riuscite a caricarlo a bordo di una vettura e, seguite da complici a bordo di un’altra auto, si erano allontanate velocemente. A dare l’allarme sono stati alcuni cittadini che hanno assistito alla scena.

I carabinieri di Pomezia hanno avviato le indagini e grazie alle immagini delle telecamere in zona hanno individuato i mezzi impiegati, due Mercedes classe B, che sono state individuate mentre percorrevano il tratto calabro dell’autostrada A3 e intercettate davanti alla stazione ferroviaria di Villa San Giovanni. Alle due Mercedes si è poi aggiunta una Fiat Punto, con a bordo altri complici.

I militari dell’Arma, a questo punto, hanno notato che la vittima veniva trasferita, sempre con violenza, sulla Fiat Punto e che le tre auto si imbarcavano su una nave della società Caronte dirette in Sicilia. Così, quando le tre vetture sono sbarcate, i militari hanno deciso di intervenire, bloccandole lungo il percorso di uscita dell’area portuale, immobilizzandone gli occupanti e liberando l’ostaggio, visibilmente scioccato e con delle contusioni.

Otto persone sono finite in manette e portati nel carcere di Messina-Gazzi. Dovranno rispondere di sequestro di persona a scopo di estorsione in concorso. Secondo una ricostruzione dei carabinieri, con il rapimento i malviventi volevano ottenere la restituzione di un debito di oltre 100 mila euro contratto dalla famiglia dell’ostaggio.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico