Pupia.TV Aggiungi Pupia ai Preferiti Preleva feed RSS
 On-line  
95
 Visite
5139315
 
     HOME Portale  ·  Aversa  ·  Top 10  ·  Archivio  ·  Chat  ·  Redazione     
Movida, i residenti di Via Seggio chiedono "ordine"
di Antonio Arduino del 5/01/2013 in Cronaca - Letto 1211 volte

 AVERSA. Vivibilità in via Seggio, la querelle continua. Anzi, complice le festività di fine anno, si accende. Il comitato spontaneo nato tra i residenti documenta in video i comportamenti abnormi dei frequentatori di bar, pub e paninoteche che nell’ultimo giorno dell’anno sono andate oltre ogni limite accettabile.

Così, dopo aver registrato in video ogni tipo di intemperanza, i componenti del comitato chiedono i rispetto dei diritti sanciti dalle leggi e dalla Costituzione, sia per i residenti che per gli esercenti, quali sono il diritto alla salute per gli uni, quello al  lavoro per gli altri. Diritti da tutelare nel rispetto della democrazia e del vivere civile come chiesto da ambo le parti al primo cittadino di Aversa che, per il comitato, sembra essere prodigo solo a parole.

 

Da qui la nuova protesta trasmessa alla stampa:

 

“Il Comitato per la difesa della vivibilità di via Seggio, mosso  dal convincimento che il grado di civiltà di una città sia generato dall’abbattimento del muro dell’ indifferenza e dal risveglio  delle coscienze, esprime il suo dissenso nei confronti di un’Amministrazione comunale che  ad oggi, nonostante le denunce e gli esposti di segnalazione dei problemi della vivibilità nel centro storico a causa della movida, ha dimostrato di sonnecchiare o, forse, di nicchiare  tra posizioni naturalmente contrapposte: quella degli imprenditori dei locali di somministrazione di cibi e bevande alcooliche e  quella  dei cittadini residenti. Le promesse e le rassicurazioni che puntualmente sono seguite  agli esposti e alle denunce si sono tradotte, dunque, in un  nulla di fatto. Non possiamo rassegnarci a tale indifferenza e abbandonarci al sonno delle coscienze perché, se così fosse, ci macchieremmo di correità nel processo di degrado di questa bella città.

 

VIDEO

 

La nostra città. Il Comitato non riesce a comprendere le ragioni di questo sopore e di questo silenzio,  che offendono lo “status” dei cittadini aversani rappresentati, e il perché  l’Amministrazione continui ad  ignorare le sue istanze, comunque fondate sui valori protetti dalla Costituzione Italiana, dal Codice Penale,  dallo Statuto della Città di Aversa, dal piano di recupero del centro storico e  dal Regolamento che statuisce i compiti  della Polizia Municipale della nostra città, una serie, dunque, di norme cogenti   a  tutela del territorio, della sicurezza, dell’ordine pubblico, della salute e del  riposo dei cittadini. Ma sotto la spinta dell’ennesimo rigurgito di fiducia nei confronti del primo cittadino e dell’Amministrazione Comunale, il Comitato vuole continuare a credere che prima  o poi  la movida  troverà ad Aversa, in particolare in via del Seggio e dintorni, una sicura ed efficace regolamentazione, perché è convinto che solo così si costruiscano le fondamenta per il munificato edificio della democrazia indiretta e diretta, sul terreno saldo e garantistico della convivenza civile tra portatori di interessi contrapposti.

 

A voi tutti amministratori, cui è stato demandato dalla volontà popolare il compito di amministrare  questa città, il Comitato  chiede  di abbattere il muro del silenzio, di sgretolare la pericolosa cortina dell’indifferenza e di prendere  finalmente provvedimenti- tampone, secondo i principi di necessità ed urgenza, che risolvano le problematiche denunciate.

 

Non sono necessari progetti referenziali, propagandistici e altisonanti, fondi dell’Unione Europea, allargamento dell’organico della Polizia Municipale. E’ sufficiente intervenire attraverso controlli sull’esistenza o meno di impianti di insonorizzazione dei locali e sulla propagazione della musica “live” e stereo a porte chiuse, rispetto dell’orario di chiusura delle imprese, ricorrendo anche all’apporto della vigilanza del servizio notturno della Polizia di Stato, cui compete per la legge 121 del 1/4/1981 la tutela dell’esercizio della libertà e dei diritti dei cittadini. Il tutto a costo zero. E Voi, Signori Amministratori, questo lo sapete!

 

Non fatevi irreggimentare da logiche lontane dagli interessi della collettività tutta, la cui  maggioritaria volontà popolare vi ha investito del  solenne mandato. Non fatevi irretire da chi ritiene, con la movida, di aver portato  il centro storico agli “antichi splendori”. Tenete conto che mai nessuno dei residenti si è lamentato delle notti silenziose e tranquille della zona e che la  “morte “di Via Seggio,  di cui tanti parlano e dietro cui mascherano, sia pur legittimi interessi economici, è solo frutto di un’errata e fuorviante valutazione di marketing, che dovrebbe, invece, riferirsi alla crisi del commercio mattutino in questa via, dovuto ad un errata politica commerciale e all’espandersi dei centri commerciali, non ad altro.

 

Non ascoltate chi vi dice che la liberalizzazione non è soggetta a limiti. La liberalizzazione della attività produttive è soggetta a seri vincoli come si evince dalla Circ. Min. dello Sviluppo e dell’Economia 3644/C, punto 4, 4° capoverso; e dal Decreto Sviluppo-Monti, gennaio 2012, premessa e art. 1.

 

Non credete a chi, per la sola logica del profitto, vuole  escludere la responsabilità degli imprenditori circa gli schiamazzi prodotti dagli avventori che stazionano dinanzi ai propri locali. Forse fa comodo ignorare le disposizioni del piano di recupero del centro storico della città di Aversa vigente, nella parte in cui vieta l’allocazione nel centro storico di “attività inquinanti e rumorose”; come si può non ottemperare alla volontà del Legislatore, trascurando il contenuto dell’art. 659 c.p ( confortato dalle numerose sentenze della Cassazione) da   parte  di chi per professione o mestiere eserciti attività  per loro natura rumorose. Un buon punto di  partenza per la conciliazione dei diversi interessi sarebbe, conoscere la normativa nazionale, prendere atto dell’indirizzo giurisprudenziale  dell’Alta Corte e, non ultimo, ottemperare alle ordinanze sindacali.

 

Il Comitato, da quando si è costituito, ha agito con strategie politicamente corrette e, senza ombra di dubbio, al di sopra delle parti e delle fazioni ed ha sempre chiesto all’Amministrazione di bilanciare l’asse della democrazia, ponendo in equilibrio la libertà d’iniziativa economica (art. 41 Cost.) e il diritto di proprietà e disposizione dei beni (art. 42), con la tutela del diritto alla salute,alla sicurezza, alla vivibilità, in quanto profondamente convinto che in una collettività non esistano “buoni” e “cattivi”, ma solo chi rispetta le regole e chi no”.





Pupia Network

Altre Operazioni
Pagina Stampabile    Segnala questo articolo a un amico

Condividi articolo su:
    








 
 


 

Non è possibile commentare questo articolo

 

Si ricorda che le responsabilità dei contenuti degli articoli sono a carico del singolo autore e che si può risalire all'indirizzo IP del Pc da cui vengono scritti i commenti. Pertanto, si raccomanda un linguaggio moderato e corretto.

PUPIA di Andrea Aquilante: testata editoriale telematica iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale di Santa Maria C.V. (Ce) n. 692 del 20 settembre 2007 - P.I. 03296370616. Powered by Clanius.