Home

Fioramonti: “Nel M5S il dissenso non è ammesso, o taci o esci”

Nel Movimento 5 Stelle c’è “l’impossibilità di un confronto critico. Non è ammesso il dissenso, non c’è ascolto. I panni sporchi in famiglia. Per il resto: si tace o si esce”. È un duro attacco al Movimento Cinque Stelle quello sferrato, in un’intervista a Repubblica, dall’ex ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, dimessosi in polemica con i fondi della Manovra e poi uscito anche dal Movimento. Che poi rincara: “Il mio gruppo mi ha attaccato come se fossi un nemico”.

Fioramonti dice di non aver parlato né con Beppe Grillo né con Davide Casaleggio, e che quest’ultimo “l’ho incontrato fugacemente un paio di volte in vita mia”. Poi attacca la piattaforma Rousseau: “Inadeguata, inutilmente costosa (un milione e mezzo l’anno, a prezzi di mercato ne costerebbe 30 mila), farraginosa. È sbagliato persino il modo in cui vengono poste le domande, declinate in modo da assecondare e incoraggiare risposte prevedibili”.

“A volte ci si dimentica cosa sono le cinque stelle – aggiunge ancora Fioramonti – Acqua pubblica, mobilità sostenibile, ambiente. L’economia del benessere è ciò a cui ho dedicato tutta la mia vita di studi. Serve un’alleanza di governi che puntino al benessere sociale e ambientale, non alla crescita del Pil”. E ancora: “Ci sono quattro governi che hanno preso a modello i miei lavori accademici, le mie proposte: Scozia, Finlandia, Nuova Zelanda, Islanda. Quattro giovani donne coraggiose. Volevo provare a farlo anche in Italia – conclude l’ex ministro – ma non potevo più fare la figurina da esibire. Se mi chiami per le mie competenze non puoi non tenerle in nessun conto”.

Fioramonti, interpellato poi sull’uccisione di Soleimani, osserva: “Di Trump non mi stupisce nulla. Mi stupisce la subalternità dei nostri governi alle sue politiche”. E avverte: “Scatenare un conflitto in una parte del mondo così delicata, che ha così tanto sofferto, è irresponsabile. Conosco bene l’Iran. È un Paese colto, sofisticato, con livelli di istruzione fra i più alti del mondo e grandi possibilità di emancipazione”. “Le forze progressiste – dice Fioramonti – e quelle conservatrici si fronteggiano. I miei colleghi, lì, lamentano la miopia dell’Occidente: gli attacchi rafforzano il conservatorismo e l’estremismo”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico