Home

Migranti, intesa a Malta: “Ok a redistribuzione e rotazione porti”. Di Maio: “Non è soluzione”

“Quello che è avvenuto è un primo passo concreto per un approccio di vera azione comune europea”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, al termine del vertice sui migranti a Malta. Quattro i punti su cui Italia, Malta, Francia e Germania hanno trovato l’accordo: tra questi la redistribuzione di tutti i richiedenti asilo, non solo di coloro con lo status di rifugiato e un meccanismo di rotazione dei porti su base volontaria.

Sono quattro i punti su cui Italia, Malta, Francia e Germania, con la presidenza finlandese di turno dell’Ue e la commissione Ue, hanno trovato l’accordo che dovrà ora essere sottoposto agli altri Paesi Ue. Tra questi punti, il più significativo è quello che prevede la redistribuzione di tutti i richiedenti asilo e non solo di coloro che hanno ottenuto lo status di rifugiato.

Innanzitutto, ha spiegato il ministro dell’Interno italiano Luciana Lamorgese, viene stabilita la “rotazione volontaria” dei porti di sbarco, non solo quando quelli di Italia e Malta sono saturi. “E questo non era scontato”, ha detto. L’accordo prevede inoltre la “redistribuzione dei migranti su base obbligatoria” con un sistema di quote che verrà stabilito quanti dei 28 Paesi dell’Ue parteciperanno all’intesa; tempi “molto rapidi” (4 settimane) per i ricollocamenti e, soprattutto, la redistribuzione di tutti i richiedenti asilo e non solo di coloro che hanno ottenuto lo status di rifugiato. Il sistema messo a punto stabilisce che, una volta decisa la quota da ridistribuire, i migranti verranno inseriti direttamente nella banca dati del paese di destinazione, che si farà carico anche degli eventuali rimpatri, e non in quello di primo approdo. L’intesa, ha spiegato il ministro, riguarda solo i migranti soccorsi dalle navi delle Ong e da quelle militari. Dall’accordo sono dunque esclusi tutti quei migranti che autonomamente raggiungono le coste italiane e di Malta.

Ora l’Italia non sarà più, nei fatti, il Paese di primo approdo? “Esatto”, ha risposto la Lamorgese. Il ministro ha sottolineato che gli Stati hanno auspicato di “procedere quanto prima a rivedere le norme sul diritto d’asilo”. “Mi fa piacere dire che l’Italia non è più sola: arrivare in Italia vuol dire arrivare in Europa”, ha sottolineato. La titolare del Viminale ha quindi sottolineato che “noi abbiamo sempre detto che chi arriva a Malta e in Italia arriva in Europa”.

Per l’Italia oggi è una giornata importante: sono contento e faccio i complimenti al ministro Lamorgese per la dichiarazione di intenti sui migranti”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. “Però – ha aggiunto – fatemi dire anche che la redistribuzione dei migranti non è la soluzione del fenomeno migratorio”. Il capo della diplomazia italiana ha quindi sottolineato che “la soluzione è il blocco delle partenze”, stabilizzando i Paesi di origine dei flussi. Di Maio ha detto che, al suo rientro dall’Assemblea Onu, annuncerà “importanti novità sugli accordi per i rimpatri”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli - Un libro di ricette degli istituti alberghieri finanziato dalla Uil (18.10.19) https://t.co/uJN3Lq9FkF

Mondragone, sequestrato stabilimento balneare con annessa discarica abusiva - https://t.co/Wt2mNU289Y

Cesa, nuova sede per Consulta Disabili e Casa delle Associazioni - https://t.co/TlfU42u0Bc

Macerata Campania, diffonde foto osé della ex per vendetta: arrestato - https://t.co/HIn0hHuSEF

Condividi con un amico