Carinaro

Carinaro, l’ulivo potato da Lsu in casa del consigliere. Il sindaco: “Barbato voleva dimettersi ma attendo verifiche”

Carinaro – L’opposizione accusa un consigliere comunale di maggioranza di aver utilizzato i lavoratori socialmente utili per potare una pianta d’ulivo nella proprietà privata e scoppia la polemica. Ulivo, insomma, da simbolo di pace a simbolo di guerra, sia pure solo politica. A segnalare la vicenda i gruppi consiliari di Partito Democratico e “Carinaro nel Cuore” che, in un comunicato, dichiarano: “Durante l’orario di lavoro – come segnalato da una concittadina, residente in zona – gli Lsu del nostro Comune, con i mezzi dell’Ente, prestavano servizio nell’abitazione privata del consigliere comunale Nicola Mauro Barbato, potando la sua pianta di ulivo”.

“Colti in flagrante dalla Polizia municipale, a cui la nostra concittadina aveva denunciato l’accaduto, – si legge nella nota delle opposizioni – gli operai hanno ammesso il fatto. Ciò che emerge dalla vicenda – a parte l’eventuale (e nemmeno troppo) rilevanza di tali comportamenti sotto il profilo dell’antigiuridicità – è il fatto che qualche neo-eletto è totalmente privo di quel necessario distacco nei confronti del potere, che è proprio delle classi dirigenti stagionate e collaudate”.

Dopo queste considerazioni, gli esponenti della minoranza consiliare si rivolgono direttamente al sindaco Nicola Affinito per chiedergli “se non abbia nulla da dire, in ordine a tale increscioso episodio”. E all’assessore alla Legalità, Alfonso Bracciano, chiedono “se sia lecita ed ammissibile una cosa del genere”; al consigliere con delega al personale “se sia normale che dei lavoratori, durante il servizio, intervengano in delle aree private, oltretutto di proprietà di un consigliere comunale” e a quest’ultimo “se non sia il caso di porgere delle pubbliche scuse, in ordine al disdicevole avvenimento, ai cittadini di Carinaro”.

Getta acqua sul fuoco il primo cittadino, che dichiara: “Sull’accaduto sono in attesa di una relazione da parte del responsabile dell’Ufficio tecnico comunale. Da quanto ho appreso ufficiosamente, la questione non sta nei termini in cui è stata descritta dalle opposizioni ma, ripeto, attendo notizie ufficiali prima di dare un giudizio definitivo”. “Quando il consigliere Barbato ha saputo dell’episodio dai social, – ha poi sottolineato il sindaco di Carinaro – è venuto da me con l’intenzione di dimettersi, ma io gli ho consigliato di attendere. Lui non può essere considerato colpevole di quanto potrebbero aver fatto i suoi genitori. Pare, infatti, che vi fossero dei rami che sporgevano e davano fastidio. Per questo avrebbero chiesto l’intervento dei lavoratori socialmente utili per risolvere il problema. Comunque, ripeto, sono in attesa della relazione, per poi pronunciarmi ufficialmente”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Condividi con un amico