Home

Camorra, 100 arresti in tutta Italia: colpita Alleanza di Secondigliano

Operazione all’alba dei carabinieri del Ros e del comando provinciale di Napoli, con l’esecuzione su tutto il territorio nazionale di oltre cento provvedimenti cautelari emessi dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura della repubblica partenopea nei confronti di appartenenti ai clan Contini, Mallardo e Licciardi.

Le mogli dei boss del clan Bosti, dei Mallardo, dei Licciardi e dei Contini. E non solo: i loro luogotenenti, i figli, i nipoti e gli imprenditori che per anni son o riusciti a riciclare il più imponente tesoro accumulato con i traffici illeciti. L’ultima retata che aveva coinvolto l’Alleanza di Secondigliano fu nel 2012 e anche in questo caso gli arresti furono oltre 100. Era il processo ai cosiddetti magliari, personaggi che partiti da Napoli hanno invaso l’Europa vendendo materiale falso prodotto nelle fabbriche dei quartieri di Forcella e della Duchesca.

Adesso il commercio si è trasformato in imprenditoria pura e il gip Federica D’Auria del tribunale di Napoli ha firmato oltre 1.500 pagine di ordinanza di custodia cautelare eseguita dalla forze dell’ordine con 100 persone ammanettate. Ci sono tutti i personaggi di spicco del clan Rullo: Nicola detto l’infamone, Domenico Esposito, nipote di Rullo, Roberto Murano, il figlio di Patrizio Bosti. Tutti gli esponenti dei Licciardi, che negli anni hanno sostituto la figura di Vincenzo il chiattone.

I reati vanno dall’associazione camorristica alla droga, ma soprattutto al riciclaggio dei proventi illeciti.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Universiadi ad Aversa, Olga Diana: "Un'altra buona occasione sprecata" - https://t.co/tnc6ntCkgE

Universiade Napoli 2019, il trailer del documentario (19.07.19) https://t.co/wO5H1Fwt2V

De Luca - Il piano di gestione del ciclo dei rifiuti della Regione Campania (18.07.19) https://t.co/TQXQPT5KEt

De Luca: "Campania da Terra dei Fuochi a modello nazionale" (18.07.19) https://t.co/FwOoBY0qoi

Condividi con un amico