Home

Camorra, bombe e cavalli di ritorno: 8 arresti nel clan Moccia

Estorsioni a imprenditori, commercianti, cittadini costretti a pagare il cosiddetto cavallo di ritorno per la restituzione dei veicolo rubato. Tra Afragola e Casoria, nel Napoletano, sono stati arrestate otto persone ritenute legate al clan Moccia. Per uno di loro, un imprenditore di pompe funebri, avviso di conclusione delle indagini perché aveva cercato di monopolizzare il settore con un attentato dinamitardo e con minacce a ditte concorrenti.

Sono stati i carabinieri della compagnia di Casoria ad eseguire le ordinanze di custodia cautelare in carcere. Le vittime, secondo le indagini, erano minacciate con modalità camorristiche e costrette a “finanziare” le casse del sodalizio con ingenti versamenti periodici.

Violenze, quelle messe in atto, anche nel settore delle pompe funebri dove un imprenditore ha fatto esplodere una bomba per imporre la chiusura a una ditta concorrente; minacce a un altro titolare per non aprire una sede ad Afragola. In tutto sono 19 gli indagati. Gli otto arrestati sono: Raffaele Aversano, Raffaele Bencivenga, Mauro Bencivenga, Giuseppe Bevilacqua, Tommaso Castaldo, Giustino De Rosa, Davide Ferrara, Dario Piscitelli.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Casaluce, Pagano: “Città cantierizzata: al via i lavori per cinque progetti” https://t.co/lmPXax72sm

Elezioni Aversa, MCA fuori dalla competizione: “Nessun progetto ci affascina” https://t.co/c0YkZ5ZDDv

Gricignano, uniti contro l'amianto: gli "alunni rapper" della scuola 'Santagata' vincono concorso nazionale - https://t.co/Al0670N9NA

San Tammaro, sequestrato sito di trattamento rottami metallici - https://t.co/jvfAwMJIzm

Condividi con un amico