Aversa

Aversa, Via Di Jasi-Via Michelangelo tra pericolosi ostacoli e barriere architettoniche

Aversa – Sembrano alcuni dei tristi resti del “Muro di Berlino” e rappresentano un pericolo costante per i pedoni e una barriera architettonica per i portatori di handicap. Sono i blocchi di cemento situati sul marciapiede di via Vito Di Jasi, all’imbocco di via Michelangelo, a pochi metri dall’Arco dell’Annunziata.

Quel marciapiede è stato rifatto da poco tempo, eppure questo sconcio “metafisico” è sfuggito non solo alla ditta che ha eseguito i lavori ma anche al controllo dei tecnici del Comune, ai politici locali che sembra non passeggino più nel centro della città come fanno i “comuni mortali”.

C’è da dire, poi, che via Michelangelo, un lungo serpentone che arriva fino all’Aulario della Facoltà di Ingegneria, è una trappola continua per i pedoni. Gli angusti marciapiedi, infatti, sono “recintati”, in modo disordinato e irrazionale, da paletti arrugginiti che rendono difficile il passaggio di un portatore di handicap in carrozzella, di una mamma che porta a spasso i figli in carrozzina, di anziani che hanno difficoltà nei movimenti.

Un cammino, quello in via Michelangelo, reso ancora più arduo a causa degli escrementi dei cani che gli incivili padroni degli animali non raccolgono e non depositano negli appositi contenitori, nonostante siano presenti su un tratto di strada decisamente da riqualificare.

inviato da Franco Terracciano

IN ALTO UNA GALLERIA FOTOGRAFICA

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, raccolta rifiuti. De Angelis: “Golia cosa fa oltre a meravigliarsi?” https://t.co/s1peakPc1d

Aversa, raccolta rifiuti. De Angelis: "Golia cosa fa oltre a meravigliarsi?" - https://t.co/h4zK9SvXfa

Condividi con un amico