Aversa

Aversa, De Cristofaro rinviato a giudizio per “The Queen”. Ecco tutti gli imputati

Aversa – Il sindaco Enrico De Cristofaro è stato rinviato a giudizio dal gup del tribunale di Napoli Nord nell’ambito del procedimento “The Queen” che ha accesso i riflettori su presunti intrecci tra politica, imprenditori e professionisti tra le province di Napoli e Caserta, derivati dalle indagini a carico dell’ingegnere napoletano Guglielmo La Regina (il cui cognome, tradotto in inglese, ha dato nome all’inchiesta, ndr.). La prima udienza è fissata al 20 febbraio prossimo.

Tra le tante vicende che compongono il consistente quadro accusatorio nei confronti di complessivi 45 indagati, anch’essi tutti rinviati a giudizio, quella che riguarda De Cristofaro risale al periodo antecedente la sua elezione alla carica di sindaco, quando era presidente provinciale dell’Ordine degli Architetti di Caserta. Fatti che solo incidentalmente riguardano Aversa, considerato che si tratta dell’appalto per la ristrutturazione e trasformazione dell’ex carcere mandamentale di via Saporito in “Casa dello Studente”. Struttura mai utilizzata dall’Università ex Sun (attuale “Vanvitelli”), tanto che, di recente, il Comune ha provveduto alla revoca della concessione in uso del bene all’Adisu – Agenzia universitaria per il diritto allo studio, attivando una procedura di riacquisizione del bene a patrimonio comunale.

Sebbene si tratti di una vicenda non legata alla sua carica di sindaco, è certo che le opposizioni, come tra l’altro avevano già sostenuto in occasione della richiesta di rinvio a giudizio del primo cittadino, chiederanno a De Cristofaro di lasciare la sua poltrona pur non essendone obbligato, dal momento che la vicenda non rientra tra i criteri di sospensione e decadenza degli amministratori locali in condizione di incandidabilità. Del resto, lo stesso De Cristofaro di recente, su queste colonne, aveva manifestato la volontà di restare in carica nonostante arrivasse il rinvio a giudizio (leggi qui).

Intanto, nelle vicende legate all’inchiesta “The Queen” spunta anche l’ombra della camorra dopo le rivelazioni del collaboratore di giustizia Nicola Schiavone, figlio del boss Francesco “Sandokan”, secondo il quale il clan dei casalesi era in stretti rapporti con alcuni imprenditori indagati. Un sistema che, secondo l’accusa, prevedeva che le commissioni chiamate a decidere sulle gare pubbliche fossero composte in base alle “esigenze” di politici e camorristi. Fondamentale era anche il ricorso ai subappalti (leggi qui).

Ecco l’elenco dei rinviati a giudizio: Guglielmo La Regina, 40 anni, di Napoli; Francesco La Regina, 78 anni, su Napoli, padre di Guglielmo; Pasquale Sommese, ex assessore regionale, 61 anni, di Cimitile (Napoli); Antonio Sommese, 48 anni, di Nola (Napoli), nipote di Pasquale; Enrico De Cristofaro, 63 anni, Aversa; Rino Dimola, 48 anni, di Aversa; Mario Martinelli, 53 anni, di San Cipriano; Raffaele Piccolo, 55 anni, di Casapesenna; Alessandro Zagaria, 31 anni, di Casapesenna; Antonio Bretto, 42 anni, di Casal di Principe; Ferdinando Bosco, 65 anni, di Casapulla; Andrea D’Aniello, 34 anni, di Gricignano; Claudio Accarino, 22 anni, di Alife; Gabriele Venditti, 61 anni, di Alife; Giuseppe Avecone, 51 anni, di Alife; Raffaele Zoccolillo, 53 anni, di Piedimonte Matese; Carlo Antonio Piccirillo, 39 anni, di Portico di Caserta; Vincenzo Sposito, 59 anni, di Maddaloni; Raffaele Testa, 54 anni, di Pastorano; Michele Apicella, 67 anni, di Napoli; Aldo Aveta, 69 anni, di Napoli; Claudio Borrelli, 71 anni, di Napoli; Vito Cappiello, 70 anni, di Napoli; Carlo Coppola, 64 anni, di Napoli; Claudio De Biasio, 53 anni, di Napoli; Luciano Di Fraia, 64 anni, di Napoli; Loredana Di Giovanni, 46 anni, di Napoli; Vincenzo Manocchio, 73 anni, di Napoli; Daniele Marrama, 43 anni, di Napoli; Mario Palermo Cerrone, 40 anni, Napoli; Umberto Perillo, 48 anni, di Napoli; Sergio Stenti, 71 anni, di Napoli; Claudio D’Alessio, 56 anni, Pompei (Napoli); Salvatore Mazzocchi, 73 anni, di Nola; Andrea Nunziata, 49 anni, di Nola; Raffaele Meo, 47 anni, Nola; Pasquale Amato, 63 anni, di Comiziano (Napoli); Francesco Ambrosio, 52 anni, di San Giuseppe Vesuviano (Napoli); Luigi Conte, 69 anni, Salerno; Domenico Antonio Ranauro, 68 anni, di Cannalonga (Salerno); Nicola D’Ovidio, 50 anni, di Telese Terme (Benevento); Salvatore Visone, 56 anni, di Avellino; Corrado Romano, 53 anni, di Pettorano sul Gizio (L’Aquila).

Antonio Bretto e Nicola D’Ovidio hanno chiesto il rito abbreviato; richiesta per la quale il giudice si pronuncerà il prossimo 14 gennaio. Per Pasquale Garofalo, 43 anni, di Aversa, il giudice invece ha deciso di non procedere.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Campania - Gori promuove "Plastic free": stop monouso in azienda (13.06.19) https://t.co/W89di2AQG3

"Furbetti del cartellino": stop badge, arrivano controlli biometrici - https://t.co/nxYIE7gakU

Corruzione, arrestati ex consulente della Lega Paolo Arata e il figlio - https://t.co/glWaDMrRns

Parolacce e spintoni in asilo nido: tre maestre beccate dalle telecamere - https://t.co/gVLVHZsHRA

Condividi con un amico