Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

San Cipriano d’Aversa, ucciso da proiettile vagante: riconosciuto vitalizio al padre

Il giudice civile di Napoli Barbara Gargia ha riconosciuto a Rodolfo Russo, papà di Flavio Russo, vittima innocente di mafia, ucciso a 21 anni, nel 1992, a San Cipriano d’Aversa da un proiettile vagante durante un agguato dei Casalesi, il diritto al vitalizio così come riconosciuto dalla legge sui benefici economici ai familiari delle vittime della criminalità (legge 302 del 1990).

La sentenza, di cui da notizia il legale della famiglia Russo, Gianni Zara, ha accolto l’istanza del papà del giovane ucciso. Flavio faceva volontariato e aveva una grande voglia di vivere. Ma si trovò in un posto sbagliato al momento sbagliato. A San Cipriano d’Aversa, nel 1992, infuriava la faida tra due clan. Flavio venne colpito per errore trovandosi vicino all’abitazione di una persona che era il vero obiettivo dei killer. Un piccolo proiettile, di rimbalzo, penetrò nel corpo di Flavio che in primo momento non accusò il colpo. Poi iniziò a sentirsi male e a sanguinare. Un amico decise di trasportarlo in ospedale dove, però, giunse già senza vita.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Spaccio di droga sul litorale domizio: pusher africano arrestato a Pescopagano - https://t.co/Y1G3EMQmRD

Maddaloni, irrompe nel bar Lithium e aggredisce clienti e titolare - https://t.co/YSymvC8CrE

Casapesenna, roghi tossici: De Rosa chiede meno protagonismo e più cooperazione - https://t.co/N7GsIvT05h

Condividi con un amico