Napoli

Napoli, ruba un iPad in ristorante di Via Toledo: incastrato dalle telecamere

I carabinieri hanno arrestato a Napoli A.C., un 48enne di via Sedile di Porto, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare con l’accusa di furto aggravato. E’ ritenuto responsabile del furto di un tablet all’interno di un ristorante di via Toledo.

Intorno alle 11 dello scorso 28 ottobre l’uomo era entrato nel locale che da fuori era evidentemente vuoto e, durante una ricognizione nella sala principale, aveva notato il tablet utilizzato nell’esercizio appoggiato vicino alla cassa. Si era guardato intorno più e più volte; ci aveva pensato su, aveva buttato uno sguardo fuori per controllare se stesse arrivando qualcuno, era uscito e poi rientrato.

Guardingo, aveva continuato a gironzolare nel locale ed a controllare in più direzioni e alla fine lo aveva fatto: si era avvicinato alla cassa e aveva sottratto l’Ipad infilandolo in una busta della spesa. Poi era andato via con il tablet. Una telecamera del ristorante, però, di cui il 48enne si era accorto e alla quale pensava di aver nascosto il volto, anche se vi si è era voltato più volte rendendosi perfettamente riconoscibile, lo aveva immortalato. Le immagini sono state controllate dal proprietario del locale che le ha consegnate ai carabinieri della stazione di Napoli-San Giuseppe dove ha sporto denuncia. I militari hanno avviato le indagini, esaminato le immagini e identificato l’uomo, rintracciato a casa, dove è stato peraltro trovato lo stesso giubbino “bomber” indossato dal ladro il giorno del furto. Il 48enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

"Gricignano Party", Damiano suona la carica per la festa del 27 e 28 luglio - https://t.co/2IISIDqpll

Napoli, Rocco Hunt dice addio alla musica: l'annuncio su Instagram - https://t.co/rHj4369yc9

Di Maio: "Salvini incontra sindacati per sviare dai fondi russi" - https://t.co/eIFxao78TH

Armi e missile sequestrati a neonazisti, Salvini rivela: "Servivano per uccidere me" - https://t.co/sKNHlZBF8Y

Condividi con un amico