Trentola Ducenta

Trentola Ducenta, il figlio di “Sandokan”: “Michele Zagaria controllava il Comune”

“Dal 1998 Michele Zagaria ha controllato il Comune di Trentola Ducenta e il suo ex sindaco Michele Griffo”. Con queste parole il collaboratore di giustizia Nicola Schiavone, figlio del capoclan dei Casalesi Francesco “Sandokan” Schiavone, ha aggravato la posizione di Griffo, ex primo cittadino di Trentola Ducenta, imputato per concorso esterno nel processo relativo alla realizzazione e alla gestione del centro commerciale Jambo di Trentola. Schiavone è stato sentito oggi in video-conferenza al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano.

A seguito delle sue dichiarazioni, il sostituto della Dda di Napoli, Maurizio Giordano, ha annunciato che l’imputazione per Griffo verrà modificata in associazione camorristica, sulla base della nuova ipotesi che l’ex sindaco fosse più “un intraneo al clan” che persona a disposizione. Il figlio del boss, reggente del clan dal 2004 al giugno 2010, quando fu arrestato, ha anche specificato che “Griffo faceva da tramite tra Michele Zagaria e Nicola Cosentino, nel senso che portava a Zagaria i messaggi di Cosentino e viceversa”.

Sul centro commerciale Jambo, di proprietà dell’imprenditore Alessandro Falco, anch’egli imputato, che per la Dda sarebbe riconducibile direttamente al boss Zagaria, Schiavone ammette che “fu proprio l’amministrazione di Trentola guidata da Griffo a favorire in tutti i modi l’ampliamento della struttura, che in pochi anni, da un piccolo centro divenne uno dei più importanti della regione”. Schiavone ha spiegato di aver “incontrato più volte Griffo, limitandomi a salutarlo”.

Il collaboratore ha anche raccontato di quando un altro ex sindaco di Trentola, Nicola Pagano, anch’egli imputato, gli fece visita a casa. “Venne a trovarmi con Sebastiano Ferraro (ex consigliere provinciale condannato, ndr), chiese il mio sostegno contro l’altra lista che era appoggiata da Michele Griffo, che dopo due mandati non poteva più candidarsi”. “Zagaria qualche volta ha fatto brutte figure con i sindaci, nel senso che venivano elette persone che sfuggivano al suo controllo, come accadde a Casapesenna con Giovanni Zara. A Casal di Principe non abbiamo mai sbagliato, tranne nel 1994 quando fu eletto Renato Natale. Ma poi rimediammo facendolo cadere”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, colpi di pistola contro due bar in piazza Trieste e Trento - https://t.co/OKVq6J2zOn

Afragola, bomba esplode davanti una pasticceria nella notte - https://t.co/MRg2xRZ4G1

Travolti da bus turistico vicino Lago Patria: morti due immigrati - https://t.co/h1WD8xbTkz

Brindisi, sequestrate 10mila scarpe da ginnastica contraffatte - https://t.co/GXIb1cFkUl

Condividi con un amico