Sant’Arpino

Sant’Arpino, Maria Rosaria Di Santo: “Grazie a Dell’Aversana acqua ‘salata’ per tutti”

Con il Consiglio comunale tenuto ieri pomeriggio a Sant’Arpino, durante il quale si è deciso di affidare alla società Acquedotti ScpA la fornitura idrica, è stato definitivamente decretato l’aumento del canone idrico per i cittadini. Fortemente contrariata Maria Rosaria Di Santo che, nel corso della seduta, non solo ha espresso parere non favorevole ma anche illustrato quelle che, a suo avviso, sono le numerose incongruenze della convenzione. Poi la consigliera di opposizione di “Alleanza Democratica per Sant’Arpino” ha abbandonato l’aula in segno di protesta “perché non è stata rispettata la volontà dei santarpinesi”.

Di Santo, a margine della seduta consiliare, ha dichiarato: “Ho portato ancora una volta all’attenzione di Dell’Aversana il malcontento dei santarpinesi, contrari all’adesione alla società Acquedotti ScpA, parere espresso anche attraverso una petizione, – sottoscritta da ben 369 persone – ma il sindaco anche questa volta ha deciso di ignorare la comunità, tutelando l’interesse di pochi. A votare per l’approvazione della petizione siamo state solo io e la consigliera indipendente Iolanda Boerio, mentre tutti i presenti si sono opposti all’istanza. Vorrei precisare che i cittadini con la petizione chiedevano chiarimenti sulla convenzione e reclamavano la convocazione di un consiglio comunale aperto. Dell’Aversana circa una settimana fa si è invece limitato a convocare un’assemblea pubblica, praticamente un comizio, durante il quale tutto quello che è stato esposto non è stato verbalizzato. Inoltre, l’assemblea è stata convocata solo con un avviso sui social senza l’affissione di alcun manifesto, come se la vita della nostra comunità fosse una questione puramente virtuale e destinata esclusivamente agli internauti. Il sindaco per evitare un confronto critico e produttivo ha evitato di fornire prima la documentazione necessaria, ha poi strategicamente optato per un’assemblea, che diversamente dal consiglio comunale aperto, non prevede la verbalizzazione degli interventi dell’amministrazione e dei cittadini”.

La consigliera continua: “Dell’Aversana ha cercato di propinare la decisione della sua maggioranza come esemplare, cadendo alle prime domande che gli sono state poste.  Il sindaco infatti, ha dichiarato che l’adesione alla società comporterà uno sgravio dei costi di manutenzione ordinaria e straordinaria, l’art 4 della convenzione però sancisce che terminati i 30 anni di convenzione, gli impianti realizzati a cura e spese della società saranno ceduti al comune mediante corrispettivo, e in caso di mancato pagamento la società godrà del diritto di ritenzione degli impianti ovvero tratterrà gli impianti. Vorrei sottolineare che il termine ‘impianti’ è piuttosto vago. Non si riferisce solo alla rete idrica come il sindaco e la sua amministrazione vogliono far credere, gli impianti possono essere anche tubature o valvole”.

La rappresentate di AD conclude: “E’ doveroso effettuare anche una ricostruzione storica della tariffa dell’acqua adottata dal comune di Sant’Arpino. Il 29 luglio 2018 l’amministrazione Dell’Aversana motivò l’aumento delle tariffe dell’acqua, rispetto a quelle deliberate il 16 Marzo 2017, attribuendolo all’incremento del costo da parte di Acqua Campania, da 0,16 a 0,26 euro al mc, a cui furono aggiunti il costo di gestione del servizio idrico, quello del personale e dei mutui, fatti per la rete idrica negli anni pregressi, tutti imputati al 100%, anziché all’80%, per effetto del predissesto. Mi chiedo se le tariffe di Acquedotti, citate dal sindaco in consiglio comunale e anche in alcune interviste, includano tutti questi oneri; diversamente, se si dovessero aggiungere, porterebbero il livello del canone a livelli stratosferici, rendendo più conveniente quello attuale. E’ bene fare chiarezza su questa questione, che è del resto, quella decisiva ed è per questo che era stato chiesto un Consiglio comunale aperto, per meglio riflettere e per meglio acquisire dati contabili al fine di effettuare conteggi equi, per evitare di salassare senza ragione ulteriormente la popolazione. Certamente i mutui non saranno saldati dalla società, né il debito di 6 milioni di euro con Acqua Campania, che rimarranno, comunque a carico del Comune e della fiscalità generale. Ma Dell’Aversana ancora non riesce a comprendere ed a motivare in modo convincente questa sua decisione, forse ama l’acqua salata! Ma nel frattempo a ‘berla’ saranno i cittadini”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, "Andro Day": confronto sulla salute maschile con De Laurentiis - https://t.co/OI8usT5MP7

Mafie e scommesse on line: scattano altri arresti in Sicilia: svelato il "sistema Salvo" - https://t.co/JxtTqmaFRE

Merano - Mattarella ai 130 anni dalla fondazione della società Athesia (19.11.18): https://t.co/CnF8wwIwEr tramite @YouTube

Mondragone, ucciso durante lite a Pescopagano: è caccia al killer - https://t.co/iJpuiE2BBR

Condividi con un amico