Home

Trapani, tangenti al Genio Civile: 4 arresti

 A conclusione di complesse indagini svolte dalla Tenenza di Alcamo, sotto il costante coordinamento della Procura di Trapani, è stata data esecuzione stamani a 4 misure cautelari personali (arresti domiciliari) nei confronti di altrettanti indagati a vario titolo coinvolti in reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, falso materiale ed ideologico commesso da pubblici ufficiali in atti pubblici e violazioni alla normativa in materia di appalti pubblici. Si tratta dell’ingegnere capo del Genio civile di Trapani, Giuseppe Pirrello, di un dirigente del Comune di Castellammare del Golfo, Simone Cusumano, e di imprenditori.

Le investigazioni, che concernono in totale 30 soggetti indagati nell’ambito di due distinti procedimenti penali tra loro collegati, hanno permesso, in particolare, di portare alla luce un sistema criminale finalizzato ad assicurare indebite agevolazioni a numerosi soggetti privati ed imprenditori in relazione agli adempimenti in materia di edilizia privata e pubblica di competenza del Genio Civile e all’affidamento di lavori pubblici. Una prima attività di indagine ha individuato come fulcro del sistema criminale accertato la figura dell’Ingegnere Capo del Genio Civile di Trapani, il quale, attraverso lo studio tecnico formalmente intestato al figlio, curava in prima persona numerose pratiche destinate ad essere trattate per competenza dall’Ufficio da lui diretto, assicurando un trattamento di favore ai suoi “clienti” privilegiati, con la complicità di alcuni dipendenti del medesimo Ufficio nonché di liberi professionisti. Infatti, è stato accertato che il Capo del Genio Civile aveva nel tempo creato una propria personale posizione di potere, basata su di un’opaca rete di relazioni interpersonali con professionisti, funzionari pubblici locali e regionali, uffici tecnici comunali e imprenditori, che ha inciso sulla funzionalità e trasparenza dell’Ufficio Pubblico da lui diretto.

Il sistema clientelare ha comportato che molte delle pratiche dirette all’ufficio del Genio Civile della Provincia di Trapani passassero dallo studio tecnico del figlio dell’Ingegnere Capo, grazie all’opera di un compiacente gruppo di ingegneri, architetti e geometri interessati a favorire i loro clienti e loro stessi negli adempimenti relativi a manufatti e strutture di cemento armato, a discapito degli altri professionisti dello stesso settore. Il modus operandi posto in essere ha permesso di condizionare illecitamente anche i tempi di trattazione delle pratiche presso il Genio Civile, consentendo agli imprenditori e privati cittadini che “transitavano” presso lo studio tecnico la sollecita definizione delle relative pratiche, attraverso la predisposizione e il deposito di atti ideologicamente falsi, come relazioni di collaudo di manufatti effettuate solo sulla carta e non in concreto.

Mirate intercettazioni telefoniche ed ambientali hanno accertato che i privati e gli imprenditori agevolati, spesso con la complice mediazione dei professionisti, ripagavano l’illecito servizio con la promessa e la dazione di denaro contante ovvero altra utilità. In un caso, infatti, è stato accertato che, in cambio di affidamenti diretti in somma urgenza di lavori presso strutture di due Pubbliche Amministrazioni, l’imprenditore favorito ha praticato al citato Capo del Genio Civile un consistente sconto rispetto all’originario credito vantato nei confronti di una società operante nel settore delle energie rinnovabili, amministrata di fatto da predetto Pubblico Ufficiale. Altre utilità per il Capo del Genio Civile di Trapani sono consistite nell’avvenuta esecuzione, ad opera di un imprenditore, di alcuni lavori edili presso una delle sue abitazioni, all’incirca contestualmente a lavori edili che hanno interessato un manufatto condominiale presso cui il pubblico ufficiale aveva un’ulteriore abitazione.

Gli oneri economici dei lavori relativi ai due distinti immobili sopra citati, alla fine, sono stati fatti gravare esclusivamente sull’intero condominio attraverso l’emissione di fatture appositamente gonfiate, con la conseguenza che gli interventi fatti a casa del Pubblico Ufficiale sono stati coperti dalle somme fraudolentemente imputate al condominio in misura maggiore rispetto al costo degli effettivi lavori eseguiti a favore di quest’ultimo. Il compiacente imprenditore, come contropartita, ha ottenuto due affidamenti diretti presso un manufatto di una Pubblica Amministrazione.

Le indagini delle Fiamme Gialle trapanesi, inoltre, hanno permesso di accertare ulteriori e diverse condotte illecite poste in essere da tre imprenditori titolari di altrettante aziende di autotrasporti operanti nel Comune di Alcamo, i quali, attraverso l’utilizzo di falsi buoni di prelievo di acqua, hanno provveduto ad effettuare numerosi emungimenti di acqua potabile presso il serbatoio comunale, senza corrispondere la prevista tariffa a detto ente locale. Le attività investigative hanno, poi, evidenziato anche il sistema illegale di emungimento dell’acqua da pozzi privati con la costante destinazione di acqua non potabile al consumo umano (ad esempio, presso un centro dialisi, scuole e bar), situazione di illegalità nella quale tempestivamente è intervenuto il Comune di Alcamo con una specifica regolamentazione delle procedure di attingimento dell’acqua potabile dal serbatoio comunale denominato “Bottino”.

Dalle attività di indagini tecniche è stato possibile disvelare anche un diverso contesto criminale, confluito in un secondo procedimento penale che ha visto coinvolto il dirigente del Terzo Settore Lavori Pubblici del Comune di Castellammare del Golfo, il quale, ponendo in essere atti contrari ai propri doveri d’ufficio, ha sistematicamente agevolato due noti imprenditori titolari di altrettante società di costruzioni di edifici, estrazione di pietre e coltivazione, attraverso l’assegnazione di appalti pubblici e l’affidamento diretto di lavori pubblici in somma urgenza, in violazione della normativa in materia di Codice degli Appalti e dei Lavori Pubblici. Infatti, le attività di natura tecnica, unitamente alla copiosa documentazione acquisita, hanno permesso di accertare che gli imprenditori illecitamente agevolati hanno indebitamente ricompensato il Dirigente pubblico attraverso la concessione del godimento gratuito – in favore di quest’ultimo e della moglie – di una porzione di terreno di proprietà di una delle due società riconducibili ai richiamati imprenditori, per consentirvi l’installazione di due campi eolici per la produzione di energia elettrica.

Tra le condotte criminose contestate è stato accertato, inoltre, che il dirigente ha provveduto ad affidare ai due imprenditori coinvolti l’esecuzione di lavori in somma urgenza, consentendo loro di beneficiare di maggiori introiti attraverso illegittime delibere comunali di varianti in corso d’opera. In diversi altri casi, gli stessi imprenditori hanno ottenuto l’aggiudicazione di appalti pubblici – nonostante l’irregolarità della posizione contributiva che l’avrebbe esclusa – con offerte caratterizzate da forti ribassi, potendo contare per l’appunto sulle varianti in corso d’opera.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Ecotassa, bufera nel governo. Di Maio: "Non tocca auto vecchie". Il "No" di Salvini - https://t.co/ikVt69Aq2M

Caivano, scoperta "sala regia" dello spaccio al Parco Verde - https://t.co/zBwVJRU4ik

Lucca, spaccio di droga: blitz in centro accoglienza, arrestati tre richiedenti asilo - https://t.co/VjS2wNuSUf

Jovanotti a Castel Volturno il 13 luglio col "Jova Beach Party" - https://t.co/7WGnqJWJ9R

Condividi con un amico