Home

Pordenone, marche contraffatte: sequestrati 4900 capi di abbigliamento

Nell’ambito di un dispositivo di controllo del territorio teso alla repressione di traffici illeciti nella Provincia, nello scorso weekend una pattuglia della compagnia di Pordenone sottoponeva a controllo una autovettura circolante nella nota statale “pontebbana”. Insospettiti dal nervosismo palesato dall’autista – un incensurato cittadino extracomunitario – i militari operanti ispezionavano l’autoveicolo rinvenendo al suo interno 400 capi di abbigliamento contraffatti.

Per il tramite della Procura di Pordenone si avviavano immediatamente le indagini, eseguendo una perquisizione, nella limitrofa provincia trevigiana presso l’abitazione del proprietario del mezzo, che consentiva di individuare un magazzino dove venivano trovati e sequestrati ulteriori 4.500 capi contraffatti. Il materiale posto sotto sequestro ammonta complessivamente a 4.900 pezzi, tra giubbotti, pantaloni, maglioni, borse e accessori tutti di noti brands commerciali (Armani Jeans, Burberry, Colmar, Dsquared2, Fred Perry, Harmont & Blaine, Lacoste, Levis, Liu Jo, Louis Vuitton, Moncler, Napapijiri, Stone Island, Woolrich). I prodotti palesavano una qualità di riproduzione elevata tali da renderli molto similari a quelli originali e la merce sequestrata, pertanto, si poneva particolarmente concorrenziale per il prezzo praticato.

L’attività svolta permetteva anche di accertare che la commercializzazione degli articoli contraffatti (completamente “a nero”) avveniva sostanzialmente “su ordinazione” con modalità comunicative perfezionate in programmi specifici presenti negli smartphone. I pagamenti erano, invece, perfezionati preferibilmente in contanti all’atto della consegna dei prodotti o tramite ricariche di carte di credito prepagate. Il soggetto detentore della merce contraffatta è stato denunciato alla Procura di Pordenone per i reati di contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell’ingegno o di prodotti e ricettazione del codice penale. Il risultato di servizio si inquadra nella “lotta” che la Guardia di Finanza svolge per limitare gli effetti distorsivi del fenomeno “contraffazione”, che sono molteplici e incidono su differenti interessi, pubblici e privati.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Lampedusa, migrante morto dopo naufragio: arrestati due scafisti - https://t.co/cg0PIYEd6c

Marano, sequestrata villa a prestanome del clan Polverino - https://t.co/2QEKgPchcq

Campania, pressioni su nomina Asl: condannato Paolo Romano, ex presidente Consiglio Regionale - https://t.co/eMMMsoYqCs

Castel Volturno, approvati finanziamenti per riqualificazione strade comunali - https://t.co/31xb3QbseP

Condividi con un amico