Benevento Prov.

Telese Terme, arriva il camper antiviolenza della Polizia: incontro con gli studenti

La violenza non è solo l’aggressione fisica di un uomo contro una donna, ma include anche vessazioni psicologiche, ricatti economici, minacce, violenze sessuali, persecuzioni e a volte sfocia nella sua forma più estrema, il femminicidio. Per questo la Polizia di Stato di Benevento, con particolare premura del Questore Giuseppe Bellassai, ha promosso una serie di tappe itineranti del camper antiviolenza per incontrare i cittadini nell’ambito della campagna di sensibilizzazione dal titolo “Questo non è amore” che è finalizzata alla prevenzione e al contrasto della violenza di genere.

Questa mattina l’incontro si è tenuto a Telese Terme, nella sala Goccioloni del Parco delle Terme, con la partecipazione nutrita degli studenti dell’Istituto Comprensivo e di tutti gli indirizzi di studio attivati all’istituto d’istruzione superiore “Telesi@”. Il camper antiviolenza, attrezzato come aula didattica multimediale itinerante, ha accolto numerosi studenti accompagnati dai docenti. Presenti anche il sindaco di Telese Terme, Pasquale Carofano; l’assessore alle Pari Opportunità, Filomena Di Mezza; la dirigente dell’Istituto Telesi@, Angela Maria Pelosi.

“La Polizia di Stato – ha detto il vicequestore Flavio Tranquillo – è consapevole della grande importanza di essere sul territorio non solo attraverso un’azione repressiva degli eventi criminosi ma ancora di più con un’azione preventiva di fenomeni come quello della violenza di genere. La Questura di Benevento ha molto a cuore che vi siano sempre più spazi di riflessione e conoscenza del fenomeno perchè combattere la violenza sulle donne è un’azione prima ancora che culturale, di civiltà e di progresso per la società. Chi minaccia, umilia, perseguita o colpisce una donna lo fa innanzitutto perché supportato dal silenzio da parte della stessa vittima che purtroppo viene riscontrato a tutti i livelli: età, condizione sociale, livello di istruzione, nazionalità, religione. Di grande aiuto sono quindi le reti con altre realtà territoriali come i centri antiviolenza”.

Tranquillo ha poi aggiunto: “Le donne che subiscono violenza si chiudono nel silenzio, nello stesso silenzio della società che non le protegge. Per questo oggi vogliamo che dal nostro confronto possa venire fuori un momento di grande significanza civica che speriamo possa essere il primo di tanti, necessari spazi di riflessione, nella nostra provincia. L’anno scorso all’incontro ha preso parte anche il Questore di Benevento, Giuseppe Bellassai che è stato protagonista di un’intervista a tutto campo realizzata da reporter speciali. Quest’anno invece vogliamo conoscere il vostro punto di vista sulla violenza di genere perché solo insieme possiamo fare di più per ridurre drasticamente questa piaga”. Gli studenti dell’indirizzo economico sociale e dell’indirizzo Linguistico hanno quindi presentato i progetti portati avanti in questi anni, attraverso foto, video, racconti e una brochure dal titolo “Il Telesi@ per le donne” con alcuni consigli utili.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Lampedusa, migrante morto dopo naufragio: arrestati due scafisti - https://t.co/cg0PIYEd6c

Marano, sequestrata villa a prestanome del clan Polverino - https://t.co/2QEKgPchcq

Campania, pressioni su nomina Asl: condannato Paolo Romano, ex presidente Consiglio Regionale - https://t.co/eMMMsoYqCs

Castel Volturno, approvati finanziamenti per riqualificazione strade comunali - https://t.co/31xb3QbseP

Condividi con un amico