Pompei

Pompei, scoperta nuova iscrizione: l’eruzione a ottobre e non ad agosto

Sempre più prove negli Scavi di Pompei attestano che l’eruzione del 79 d.C. avvenne in ottobre e non a fine agosto come riporta Plinio Il Vecchio, forse per interpolazioni successive. Un’iscrizione a carboncino supporta questa teoria. E’ una delle ultime scoperte venute alla luce dagli scavi nella Regio V di Pompei, dove proseguono i lavori nella casa con giardino e nella casa di Giove. La scritta è, infatti, datata al sedicesimo giorno prima delle calende di novembre corrispondente al 17 ottobre.

“Una scoperta straordinaria”, ha commentato il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli. “I nuovi scavi rappresentano l’eccezionale competenza del nostro Paese”, ha aggiunto il ministro, sottolineando: “Può darsi, un po’ di più del può darsi, che un amanuense si sia sbagliato e abbia fatto una trascrizione non fedele. Oggi un pochino, con molta umiltà, ma forse stiamo riscrivendo i libri di storia perché stiamo datando l’eruzione nella seconda metà di ottobre”.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, Virgilio difende l'ex Giunta Sagliocco: "Ma di quali debiti parla la maggioranza?" - https://t.co/JiDvmKRXY7

5 ospedali casertani su 6 senza direttore sanitario: Fials chiede nomine all'Asl - https://t.co/nFLnyZEGyd

Parete, occupazione aree pubbliche: duro scontro tra il sindaco Pellegrino e il Pd - https://t.co/J5mvpSFDsp

Migranti morti nel Mediterraneo, Lucio Romano: "Non usare tragedie per scopi elettorali" - https://t.co/UrS13tkGQI

Condividi con un amico