Aversa

Aversa, allarme sicurezza: Nobis chiede collaborazione associazioni ex militari

L’episodio che qualche giorno fa ha visto vittima di violenza al Parco Pozzi un ragazzino è qualcosa che ha sconvolto tutti noi, che ci ha lasciato allibiti, soprattutto perché quello che si sente dalla tv o si legge sui giornali sembra sempre molto distante da noi rispetto a quanto effettivamente non lo sia. Così come crea apprensione il caso di molestie ad una ragazza da parte di un immigrato avvenuto alla stazione di Aversa. La sicurezza deve essere una priorità imprescindibile per tutti noi, cittadini e amministratori, per cui credo sia il caso di non fermarsi alla indignazione, al rammarico ed alla solidarietà che va comunque espressa ai familiari delle persone che hanno subito violenza, ma anche e soprattutto quello di fornire proposte che possano concretamente dare un contributo alla causa.

Vorrei fare, a questo punto, un appello, prendendo spunto da questi ultimi episodi, rivolto sia al referente comunale per la sicurezza che alle associazioni degli ex carabinieri, degli ex operatori di polizia ed ex militari che si trovano ad Aversa, affinché possano dare un senso al bagaglio di esperienza accumulato in carriera, dando la propria disponibilità, sinergicamente con un’azione specifica organizzata dall’ente comunale, per continuare a svolgere quel ruolo di presidi di sicurezza e di legalità che hanno svolto durante il corso della propria attività lavorativa. Credo che per tanti ex militari o agenti, rendersi utili alla comunità, possa essere ancora un motivo di soddisfazione personale e di lode per i corpi cui essi sono appartenuti. In questo modo, si potrebbe dar luogo ad un progetto di riutilizzo sociale di queste importanti ed esperte figure tale da rendersi utili ai propri concittadini, garantendo maggiore sicurezza e tranquillità a quanti vogliono vivere la nostra bella città senza il patema di essere aggrediti o molestati.

Chiedo, pertanto, ai rappresentanti di questi ex agenti di proporsi autonomamente con delle soluzioni, anche temporanee in attesa che si definisca, ad esempio, l’affido della buvette del Parco, per dare il proprio contributo, o all’assessore competente al ramo di indire delle riunioni immediate con questi soggetti per valutare l’opportunità di una fattiva collaborazione. Credo che in questo modo, una soluzione immediatamente operativa si possa trovare in brevissimo tempo, evitando che ciò che oggi sembra essere troppo distante da noi si avvicini all’improvviso e lasci segni indelebili.

Nico Nobis, consigliere comunale

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Sant'Arpino, "Libera Mente" incontra i cittadini e raccoglie le loro istanze - https://t.co/zfduZefsZ9

Migranti "scaricati" al confine. Salvini: "Vergogna internazionale". La Francia: "Non lo faremo più" - https://t.co/3bVem0mHtU

Pompei, scoperta nuova iscrizione: l'eruzione a ottobre e non ad agosto - https://t.co/em7JOKvebA

Tap, il ministro Lezzi: "Troppo costoso fermarlo". Comitato: "Eletti M5S si dimettano" - https://t.co/cqu0GBJOyv

Condividi con un amico