Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Riciclava i soldi del clan Schiavone nel Modenese: arrestato Antonio Di Puorto

Deve espiare una pena di due anni e sette mesi di reclusione Antonio Di Puorto, 49 anni, di San Cipriano d’Aversa, per riciclaggio aggravato dal metodo mafioso, a seguito di una condanna complessiva a quattro anni. L’uomo, residente a Bomporto, in provincia di Modena, è stato tratto in arresto, a Santi Cosma e Damiano, al confine tra le province di Latina e Caserta, dagli agenti della Squadra mobile di Latina e del commissariato di Formia.

E’ ritenuto legato alla fazione Schiavone del clan dei casalesi. Il 19 giugno del 2014 fu arrestato nell’ambito di un’inchiesta sui prestanome di Nicola Schiavone (nella foto), figlio del boss Francesco detto “Sandokan”, che portò al sequestro di beni per circa 10 milioni di euro tra Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa, Toscana ed Emilia Romagna.

Secondo gli investigatori, insieme ai fratelli Salvatore e Sigismondo (detto “Sergio”), Antonio Di Puorto reinvestiva nel Modenese, direttamente o attraverso prestanome, i soldi della famiglia Schiavone in diversi settori commerciali, soprattutto nel settore delle costruzioni. Tra gli interessi economici anche quello della distribuzione del caffè nelle province di Napoli e Caserta: dalle indagini emerse che la famiglia Di Puorto, tramite un’ulteriore società, anch’essa intestata a prestanome, distribuiva il caffè negli esercizi commerciali per conto degli Schiavone.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Lampedusa, migrante morto dopo naufragio: arrestati due scafisti - https://t.co/cg0PIYEd6c

Marano, sequestrata villa a prestanome del clan Polverino - https://t.co/2QEKgPchcq

Campania, pressioni su nomina Asl: condannato Paolo Romano, ex presidente Consiglio Regionale - https://t.co/eMMMsoYqCs

Castel Volturno, approvati finanziamenti per riqualificazione strade comunali - https://t.co/31xb3QbseP

Condividi con un amico