Home

Ragusa, adescava bambine su WhatsApp: arrestato per violenza su una 12enne

Un 21enne è stato arrestato dalla polizia di Ragusa per violenza sessuale nei confronti di una 12enne. Dalle indagini è emerso che il giovane contattava su gruppi WhatsApp le bambine più piccole, anche perché più facilmente plagiabili e suggestionabili. La piccola oltre ad avere subito violenza fisica sarebbe stata costretta ad avere, più volte al giorno, rapporti “virtuali” con l’indagato. Un’altra ragazzina ha denunciato di essere stata vittima di un tentativo di adescamento da parte del 21enne, ma non sarebbe caduta nella sua trappola.

All’arresto si è giunti grazie alla collaborazione delle famiglie delle ragazzine. Gli investigatori ritengono vi possano essere altre vittime non ancora identificate perché adescate prima dell’inizio dell’attività d’indagine e sollecitano le minorenni che dovessero essere state contattate dall’arrestato di rivolgersi alla Squadra Mobile di Ragusa. Secondo quanto accertato, il giovane partecipava a gruppi WhatsApp frequentati da ragazzine, ne controllava i profili e dopo aver scelto la vittima le chiedeva foto e video. L’indagato avrebbe anche tentato di convincere le amiche della 12enne. Durante le indagini, la polizia ha sequestrato nella sua abitazione diversi dispositivi informatici, che sono ancora in fase di analisi. Nonostante la perquisizione domiciliare, il giovane avrebbe postato su Facebook minacce nei confronti delle famiglie delle vittime che lo avevano denunciato. “Sarò il vostro peggiore incubo, quando mi vedete camminate a testa bassa…”, aveva scritto.

“Ho soltanto 12 anni…”, così in un messaggio inviato con social network una vittima del 21enne cercava di difendersi dalle molestie. Secondo le indagini della polizia, la piccola sarebbe stata abusata più volte. Il giovane agiva in modo seriale inviando decine di contatti al giorno cercando di convincere le vittime ad incontrarlo. Il 21enne, oltre ad aver abusato di una delle ragazzine, secondo quanto accertato dalla polizia, ha anche provato a convincere le amiche della dodicenne. “Adesso tocca a te…”, diceva ad altre minorenni. Ma a volte al telefono rispondevano i genitori che eseguivano dei controlli sullo smartphone delle figlie.

“La Polizia di Stato di Ragusa – ha commentato il capo della Squadra mobile, il vicequestore Nino Ciavola – ha potuto assicurare alla giustizia il soggetto grazie anche alla collaborazione delle famiglie delle bambine che hanno aiutato gli investigatori a fare chiarezza su quanto accaduto. Sono sempre più frequenti i fenomeni di adescamento di minorenni su social network. È necessaria una costante vigilanza da parte degli adulti sull’utilizzo degli smartphone da parte dei più piccoli, ignari della perversione di alcuni”.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Teverola, Di Matteo: "Città ferita, servizi e opere pubbliche negati ai cittadini" - https://t.co/nrH14BzwUP

Napoli - Famiglia e Società 4.0: un progetto per orientare utenti sul web (22.01.19) https://t.co/Vh53T9TEkl

Governo presenta Reddito di Cittadinanza: "In caso di recessione metteremo in sicurezza i più deboli" - https://t.co/MX6WvToyoR

Di Maio: "Lino Banfi nella commissione Unesco". L'attore: "L'ho conosciuto in orecchietteria" - https://t.co/j19nu5x3lq

Condividi con un amico