Home

Concorsi nelle forze armate truccati con “algoritmo”: 15 arresti in Campania

La Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito 15 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di appartenenti o ex appartenenti alle forze armate e alle forze di polizia, quotidianamente impegnati nel favorire il “buon esito” dei concorsi da parte di giovani candidati, a fronte di una illecita elargizione di denaro ad opera degli aspiranti ovvero dei loro prossimi congiunti. L’accusa è quella di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti di corruzione, rivelazione del segreto d’ufficio e altri gravi reati commessi in relazione alle procedure afferenti il reclutamento di 2.013 volontari in ferma prefissata quadriennale per il 2016 nelle Forze Armate, articolato in due immissioni. Le attività investigative hanno fatto emergere l’ideazione da parte di Claudio Testa (ingegnere informatico e responsabile della Irp Srl, società incaricata di predisporre i questionari della prova scritta di cultura generale prevista dalla procedura reclutativa) e di Stefano Cuomo (capo di prima classe della Capitaneria di Porto) di un articolato meccanismo fraudolento.

Il funzionamento di tale meccanismo, divulgato a terzi dallo stesso Cuomo insieme a Fabio Ametrano (militare della Marina militare), dietro corrispettivo, alcuni giorni prima dell’inizio della prova selettiva e oggetto di successiva compravendita da parte di alcuni personaggi-chiave coinvolti a vario titolo nell’indagine, operanti talora attraverso lo schermo di scuole di formazione (tra cui Ciro Auricchio, Rocco D’Amelia, Giuseppe Claudio Fastampa, Ciro Fiore, Luigi Masiello, Raffaele Russo, Sabato Vacchiano e Giuseppe Zarrillo), ha consentito a un numero cospicuo di concorrenti (sia della prima che della seconda immissione) di superare la prova di cultura generale.

Un vero e proprio “algoritmo”, applicabile alla maggior parte dei quesiti somministrati e consistente in una combinazione di 4 componenti numeriche da sommare tra loro, il cui risultato totale serviva a individuare, tra le possibili risposte, quella esatta; una dispensa o pandetta recante, per le materie non coperte dal citato “algoritmo”, un estratto della banca dati pubblica, compendiante un numero limitato di quesiti identici o comunque analoghi a quelli destinati a comporre i questionari da somministrare. Relativamente alla seconda immissione, tra l’altro, le indagini hanno permesso di appurare il funzionamento dell’algoritmo sino al 5 luglio 2016, data in cui l’ingegner Testa sostituiva (e distruggeva) tutti i plichi sigillati (consegnati prima dell’inizio delle prove selettive), contenenti i questionari elaborati e non ancora estratti, con altri plichi recanti analoghi questionari.

Grazie al materiale illecito di cui hanno avuto la disponibilità la quasi totalità dei concorrenti emersi nel corso delle indagini che ha sostenuto la prova scritta sino al 5 luglio 2016 è riuscita a superare la prova selettiva. Avendo ottenuto l’idoneità nelle successive fasi concorsuali, 43 di tali concorrenti sono stati inseriti nelle graduatorie di merito delle singole Forze Armate; di costoro, 39 sono stati utilmente collocati tra i vincitori di concorso (30 per l’Esercito, 5 per l’Aeronautica Militare, 4 per Marina Militare e Capitaneria di porto) e, verosimilmente, incorporati.

Il quadro indiziario ritenuto dal giudice idoneo all’adozione dei provvedimenti oggi eseguiti dovrà naturalmente ricevere la conferma dal contraddittorio già nella fase cautelare. Gli elementi indiziari acquisiti nel corso delle investigazioni fanno peraltro ritenere probabile che questi concorrenti siano solo una parte di coloro che hanno superato le predette prove scritte grazie al sistema fraudolento ideato. Sono in corso di notificazione 135 avvisi di conclusione delle indagini nei confronti dei concorrenti o di loro familiari, alcuni dei quali, dopo essere entrati in contatto con i soggetti attinti da misure cautelari, hanno a loro volta diffuso, previo compenso, il meccanismo.

GLI ARRESTATI – In carcere Giuseppe Zarrillo, 53 anni, di Marcianise (Caserta). Ai domiciliari: Fabio Ametrano, 43 anni, di Vico Equense (Napoli); Angelo Annunziato, 39 anni, di Avellino; Ciro Auricchio, 26 anni, di San Giuseppe Vesuviano (Napoli); Stefano Cuomo, 43 anni, di Vico Equense (Napoli); Rocco D’Amelia, 29 anni, di Pagani (Salerno); Massimo Di Palma, 50 anni, di Napoli; Giuseppe Claudio Fastampa, 53 anni, nato in Svizzera; Ciro Fiore, 70 anni, di Torre Annunziata (Napoli); Domenico Fiume, 60 anni, di Castel San Giorgio (Salerno); Francesco Interra, 29 anni, di Pompei (Napoli); Luigi Masiello, 67 anni, di Forio (Napoli); Raffaele Russo, 49 anni, nativo di Villaricca (Napoli); Claudio Testa, 50 anni, di Roma; Sabato Vacchiano, 36 anni, di Avellino.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Lampedusa, migrante morto dopo naufragio: arrestati due scafisti - https://t.co/cg0PIYEd6c

Marano, sequestrata villa a prestanome del clan Polverino - https://t.co/2QEKgPchcq

Campania, pressioni su nomina Asl: condannato Paolo Romano, ex presidente Consiglio Regionale - https://t.co/eMMMsoYqCs

Castel Volturno, approvati finanziamenti per riqualificazione strade comunali - https://t.co/31xb3QbseP

Condividi con un amico