Campania

Cetara, “Alici come prima” coniuga cibo e pescaturismo a salvaguardia del mare

Non c’è soltanto l’inquinamento e le plastiche a distruggere il Mar Mediterraneo. La biodiversità è in pericolo anche dalla pesca eccessiva. Una volta il “Mare Nostrum” era un mare ricco di pesce. La grande industria del pescato, l’uso eccessivo delle reti, comportano troppo spesso un infruttuoso bottino che purtroppo viene rigettato in acqua morto quasi per la metà. Per questo è un obbligo tutelare la pesca tradizionale e con essa il turismo sostenibile, soprattutto in realtà che fanno dell’economia del mare un punto saldo.

Da questo presupposto, un imprenditore, Gianluca D’Uva, titolare del ristorante “Alici come prima”, a Cetara (Salerno), in costiera amalfitana, ha deciso di lanciare una nuova scommessa: insegnare a tutti il valore del pescato e poi, dopo una giornata a contatto con la natura, portare a tavola il frutto del lavoro svolto all’alba per gustarlo nelle ricette tipiche locali.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

I familiari delle vittime innocenti di camorra si appellano a Salvini: "Calpestati i nostri diritti" - https://t.co/OD1hX1GgqI

Casaluce, la Pro Loco premia l'atleta Giovanni Improta - https://t.co/O3tRN9HOMC

Aversa, De Angelis: "In arrivo nuovi gettacarte lungo le strade" - https://t.co/nCfFNRtfHe

Bancarotta fraudolenta, arrestato l'immobiliarista aversano Giuseppe Statuto - https://t.co/Y9Z36RHdWQ

Condividi con un amico