Santa Maria C. V. - San Tammaro

Santa Maria Capua Vetere, scoperti 11 lavoratori “in nero” in un call center

L’ultimo controllo, in ordine di tempo, è stato effettuato ieri dai finanzieri della Compagnia di Capua che, unitamente a personale della Direzione Territoriale del Lavoro di Caserta, hanno ispezionato una società di Santa Maria Capua Vetere specializzata nel servizio di call/contact center e di teleselling per conto di alcuni clienti leader nel settore delle telecomunicazioni. Al momento dell’accesso presso gli uffici della società – ubicati nel pieno centro del comune sammaritano – sono stati identificati 11 dipendenti impegnati a prestare la propria attività lavorativa, sebbene gli stessi non fossero al momento titolari di alcun contratto di impiego regolare. Dai preliminari accertamenti svolti dai militari è emerso che la totalità dei lavoratori scoperti era completamente “in nero”: infatti, alcuni erano in possesso di un contratto di assunzione scaduto, mentre altri non risultavano essere stati mai assunti, in quanto non figuranti dalla documentazione fiscale obbligatoria. Sono state, pertanto, contestate le relative sanzioni amministrative ed è stato immediatamente adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Ma questo è stato soltanto l’ultimo di una serie di interventi a contrasto del lavoro “nero” eseguiti negli ultimi due mesi dai Reparti del Comando Provinciale di Caserta. Dal mese di maggio scorso sono state infatti ispezionate ben 46 aziende, di cui 18 risultate non in regola (circa il 40%). Trovate irregolarità in imprese operanti nei più svariati settori: calzaturifici, laboratori tessili, mobilifici, imprese di servizi e di pulizia, strutture turistiche, ma anche gestori di parcheggi privati e perfino lidi balneari. Complessivamente oltre 230 i dipendenti controllati, di cui circa il 50% risultato totalmente “in nero” ed un altro 10% irregolare. In ben 19 casi è stata proposta e disposta anche la sospensione dell’attività imprenditoriale prevista nei casi in cui viene accertato l’impiego di personale in nero in misura pari o superiore al 20% del totale dei dipendenti presenti sul luogo di lavoro oggetto di controllo.

I dati, relativi all’ultimo bimestre, sebbene significativi della diffusa situazione di illegalità che connota l’intero territorio provinciale, non si discostano dal trend di più lungo periodo e, per questo, continua incessante l’attività repressiva dei reparti territoriali delle Fiamme Gialle, anche attraverso la consolidata sinergia con la Direzione Territoriale del Lavoro di Caserta, che continuerà a concretizzarsi anche nei piani di intervento congiunto, già da tempo attuati con cadenza mensile.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Castel Volturno, picchiata e costretta a prostituirsi: arrestato ex convivente - https://t.co/zvmBvSYDvi

Molise, spacciavano droga nel carcere di Larino: 7 arresti - https://t.co/0oxKiDHrpW

Palermo, imprenditore antimafia pestato mentre tranquillizza ragazza: caccia all'aggressore - https://t.co/coR9LqERUg

Canicattì, evade dai domiciliari e rapina tabaccheria: arrestato - https://t.co/VIlYqY9ZZa

Condividi con un amico