Home

Salvini: “Censimento sui Rom”. Poi si corregge. Di Maio: “E’ incostituzionale”

“Al ministero mi sto facendo preparare un dossier sulla questione rom in Italia”. Lo annuncia Matteo Salvini spiegando che “dopo Maroni non è stato fatto più nulla ed è il caos. Occorre una ricognizione per vedere chi, come, quanti sono, rifacendo quindi il censimento. Facciamo un’anagrafe, una fotografia della situazione”. Aggiunge poi che, se gli stranieri irregolari andranno “espulsi, i rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa”.

Immediata la risposta dell’Associazione rom e sinti. “Il ministro dell’Interno sembra non sapere che in Italia un censimento su base etnica non è consentito dalla legge”, dice il presidente Carlo Stasolla. “Inoltre esistono gia’ dati e numeri su chi vive negli insediamenti formali e informali – continua Stasolla – e i pochi rom irregolari sono apolidi di fatto, quindi inespellibili. Ricordiamo anche che i rom italiani sono presenti nel nostro Paese dal almeno mezzo secolo e a volte sono ‘più italiani’ di tanti nostri concittadini”. “Dopo i migranti ecco la volta dei rom. C’era da aspettarselo”, continua Stasolla. “Salvini menziona il suo collega di partito Maroni dimenticando che fu proprio lui a inaugurare nel 2008 la costosissima e fallimentare ‘Emergenza Nomadi’ che, oltre ad essere dichiarata illegittima dal Consiglio di Stato, creò l’humus sul quale nacque Mafia Capitale – prosegue – Invitiamo il ministro Salvini a perdere un po’ di tempo dietro lo studio e l’analisi delle questioni”.

Sulla questione interviene anche Noemi Di Segni, presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane. “L’annuncio del ministro Salvini di un possibile censimento della popolazione rom in Italia – sottolinea in una nota – preoccupa e risveglia ricordi di leggi e misure razziste di appena 80 anni fa e tristemente sempre più dimenticate. Non c’è ricerca del consenso, non c’è ansia di ordine pubblico che giustifichi la proposta inquietante di enucleare specifiche categorie sociali di cittadini, di censirli e di sottoporli a speciali politiche di sicurezza solo a loro riservate”.

Al ministro ha risposto anche Luciano Casamonica, esponente dell’omonima famiglia rom della Capitale: “Salvini può dire quello che vuole, ma noi Casamonica siamo italiani da 7 generazioni. Con due parole non può cambiare la vita delle persone. Io sono nato a Roma e mi sento romano. Lavoro e ho fatto cinema. I miei figli sono nati qui e il mio papà era abruzzese”.

E dopo una giornata di polemiche, Salvini torna sul tema. Anzitutto per precisare che “non è nostra intenzione schedare o prendere le impronte digitali a nessuno. Il nostro obiettivo è una ricognizione della situazione dei campi rom. Intendiamo tutelare prima di tutto migliaia di bambini ai quali non è permesso frequentare la scuola regolarmente perché si preferisce introdurli alla delinquenza. E vogliamo anche controllare come vengono spesi i milioni di euro che arrivano dai fondi europei”. E poi per replicare a Luciano Casamonica, sottolineando che le “minacce” e gli “inviti a rigare dritto” non lo spaventano ma gli danno “ancora più forza per riportare ordine, legalità e giustizia in Italia”.

Di Maio: “Bene la smentita di Salvini” – Sulla questione interviene anche l’altro vicepremier, Luigi Di Maio, che si dice soddisfatto del fatto che “Salvini abbia smentito qualsiasi ipotesi di censimento registrazione o schedatura, se una cosa non è costituzionale non la si può fare”. Di Maio aggiunge quindi che “lavoro da due settimane per problemi degli italiani che sono enormi e di cui ci dobbiamo occupare. Gli italiani sono la priorità, bene occuparsi di immigrazione ma prima occupiamoci dei tanti italiani che non possono mangiare”.

Gentiloni: “Oggi i rom, domani le pistole” – Sul caso è intervenuto anche l’ex premier, Paolo Gentiloni. “Ieri i rifugiati, oggi i rom, domani le pistole per tutti. Quanto è faticoso essere cattivo”, ha scritto su Twitter.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, un concerto-aperitivo nella chiesa di Sant'Anna sulle note di Cimarosa e Mozart - https://t.co/GxUKaitMQ3

'Ndrangheta, 24 arresti in Calabria: c'è anche ex deputato Galati - https://t.co/IQrVGVnO5f

Lavoro nero in agricoltura: scoperti 131 irregolari fra Trento e Bolzano - https://t.co/oCG0KNVhV2

Scoperto falso cieco nel Vibonese, denunciati anche due medici - https://t.co/LzxkXJQ4Tt

Condividi con un amico