Home

Kenya, “Paga o resti in ospedale”: la testimonianza di un cittadino

Oggi apriamo un ciclo di storie raccolte in Kenya: le storie di Pupia. La prima, dagli aspetti davvero curiosi, può essere sintetizzata con la frase “Paga o resti qui”. Si tratta di quanto accadrebbe negli ospedali del Kenya, sia in quelli pubblici-governativi sia in quelli definiti ‘privati’, equivalenti alle nostre case di cura private. In entrambi l’assistenza non è gratuita perché in questa nazione viene erogata dietro presentazione di una tessera assicurativa il cui costo varia dai 300 agli 800 euro all’anno.

A seconda dell’importo pagato c’è la possibilità di scegliere l’ospedale in cui farsi curare, tra quelli compresi in un elenco che accompagna il contratto assicurativo. Chi non ha assicurazione, sia negli ospedali pubblici che privati, deve pagare. Poco nei pubblici, parecchio nei privati. E se non paga non verrebbe dimesso fino a quando qualcuno non salda il debito e senza alcuna eccezione. Vivo o morto che sia, chi non paga resterebbe in ospedale, secondo la testimonianza di un cittadino keniota intervistato.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, Notte dei Musei: via Duomo strada modello di turismo smart - https://t.co/lops4WpnZD

Napoli, la Dermatologia della "Federico II" apre anche di pomeriggio - https://t.co/VdPpLklhGI

Pizza Doc, Luigi Greco de "La Fucina" vince la quinta edizione - https://t.co/fefmXXjkNr

Casal di Principe, furto alla sala scommesse "Eurobet" - https://t.co/8CsoIx1qgw

Condividi con un amico