Aversa

Aversa, debiti tributari azzerati con crediti inesistenti: 16 indagati

I finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal giudice per le indagini preliminari Anna Laura Alfano, nei confronti di 16 persone destinatarie delle misure degli arresti domiciliari, dell’obbligo di dimora nel comune di residenza o dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in quanto ritenute responsabili di reati associativi finalizzati alla frode fiscale.

Le attività investigative, coordinate dalla terza sezione criminalità economica della Procura di Napoli e svolte con la collaborazione della locale sezione di polizia giudiziaria e dell’Agenzia delle Entrate, hanno permesso di raccogliere gravi indizi di reità nei confronti di un’organizzazione criminale composta da professionisti e consulenti fiscali che hanno realizzato condotte seriali di evasione da riscossione attraverso l’indebito ricorso all’istituto della “compensazione”. La condotta fraudolenta emersa dalle indagini consiste nella presentazione di modelli F24 con cui vengono compensati ruoli della riscossione e/o debiti fiscali e contributivi con crediti tributari inesistenti.

L’indagine è stata avviata nel dicembre 2016 a seguito di un controllo nei confronti di una società di Napoli che produce apparecchi elettromedicali, la cui amministratrice ha dichiarato di essersi affidata ad un professionista di Aversa (Caserta) per risolvere le proprie pendenze fiscali. Le indagini consentivano alla Guardia di Finanza di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico di un sodalizio di professionisti che, avvalendosi anche di un dipendente dell’Agenzia delle Entrate, ha consentito a oltre 500 contribuenti (dei quali circa 400 residenti in Campania) di “azzerare” i propri debiti tributari utilizzando in compensazione crediti fiscali fittizi. In molti casi, allo scopo di fornire una parvenza di legittimità ai crediti inesistenti utilizzati in compensazione e di ostacolare i controlli dell’Amministrazione finanziaria, i consulenti presentavano dichiarazioni fiscali integrative, relative a periodi d’imposta risalenti nel tempo, indicandovi crediti tributari che i clienti non avevano maturato. Le compensazioni venivano poi effettuate attraverso modelli F24 che i consulenti presentavano direttamente in banca oppure attraverso i servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari finanziari.

Sfruttando il fatto che i modelli F24 presentati con le suddette modalità sfuggivano ad un controllo immediato dell’Amministrazione finanziaria (diversamente da quanto accade per i modelli F24 presentati tramite i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate), gli indagati erano soliti versare un solo centesimo di euro per ogni operazione fraudolenta. Le indagini hanno permesso di quantificare un’evasione fiscale di oltre 150 milioni di euro realizzata con l’invio di oltre 5mila modelli F24 e un illecito profitto ottenuto dagli indagati di oltre 18 milioni di euro, oggetto di sequestro preventivo. Agli oltre 500 contribuenti che hanno beneficiato delle indebite compensazioni, indipendentemente dai profili di responsabilità penale, saranno notificati accertamenti finalizzati al recupero delle imposte evase.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, Notte dei Musei: via Duomo strada modello di turismo smart - https://t.co/lops4WpnZD

Napoli, la Dermatologia della "Federico II" apre anche di pomeriggio - https://t.co/VdPpLklhGI

Pizza Doc, Luigi Greco de "La Fucina" vince la quinta edizione - https://t.co/fefmXXjkNr

Casal di Principe, furto alla sala scommesse "Eurobet" - https://t.co/8CsoIx1qgw

Condividi con un amico