Napoli

Napoli, si rinnova il miracolo di San Gennaro: sangue era già liquefatto

Si è ripetuto il miracolo di San Gennaro. L’annuncio della liquefazione del sangue è stato dato alle 18.37 dall’arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, nella basilica di Santa Chiara. Il sangue, comunque, è apparso già sciolto quando la teca è stata estratta dalla cassaforte nella cappella della Deputazione del Tesoro.

Non è la prima volta che il sangue viene estratto già sciolto dalla cassaforte dove le reliquie del patrono di Napoli sono abitualmente custodite. Un fenomeno che, secondo i devoti di San Gennaro, non ha significati particolari ma rafforza il carattere di assoluta imprevedibilità di questo evento. Il fatto che il sangue potesse essere già liquefatto è stato notato dai fedeli, che però osservano la teca da lontano: per gridare al ‘miracolo’ si è atteso l’annuncio ufficiale del card. Sepe dall’altare.

La festa di oggi è una delle tre ricorrenze annuali in cui i fedeli attendono la liquefazione del sangue. Nel sabato che precede la prima domenica di maggio si svolge la processione dalla cattedrale alla basilica di Santa Chiara, in memoria delle numerose traslazioni subite dalle reliquie del santo attraverso i secoli. Il 19 settembre, giorno della festa liturgica del patrono, la cerimonia si tiene in cattedrale; così come il 16 dicembre, cosiddetta ‘festa del patrocinio di San Gennaro’, anniversario dell’eruzione del Vesuvio che, nel 1631, si interruppe dopo le fervide invocazioni al santo.

“Nessuna città può togliere dalla vista le cicatrici di cui è segnata ma Napoli, per l’aberrante via della violenza rischia di vedere sfigurato per sempre il suo volto. Come è possibile, viene da chiedersi, che la violenza, il male- con tutti i suoi derivati dell’odio, della sopraffazione, della sete di ricchezza e di denaro a qualunque costo- possa sovrapporsi al patrimonio inesauribile della nostra umanità?”. È la denuncia dell’arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, fatta durante la cerimonia per il miracolo di San Gennaro. Il patrono, ha proseguito Sepe, “soffre veramente perché troppe strade di Napoli anche quando non sono bagnate dal sangue sono diventate teatro di violenza”. Tra i presenti al rito anche il principe Emanuele Filiberto di Savoia. Regione e Comune erano rappresentati dall’assessore Amedeo Lepore e dal vicesindaco Raffaele Del Giudice.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Lampedusa, migrante morto dopo naufragio: arrestati due scafisti - https://t.co/cg0PIYEd6c

Marano, sequestrata villa a prestanome del clan Polverino - https://t.co/2QEKgPchcq

Campania, pressioni su nomina Asl: condannato Paolo Romano, ex presidente Consiglio Regionale - https://t.co/eMMMsoYqCs

Castel Volturno, approvati finanziamenti per riqualificazione strade comunali - https://t.co/31xb3QbseP

Condividi con un amico