Napoli

Napoli, protesta imprese funebri: il 10 maggio carri e bare davanti al Comune

“Abbiamo chiesto per l’ennesima volta un incontro con l’amministrazione comunale ma la misura è colma: non sappiamo più come denunciare le gravi lacune della gestione della ‘cosa cimiteriale’ da parte dell’amministrazione de Magistris. Siamo pronti a scendere in piazza con carri e bare, se non avremo risposte nelle prossime ore il 10 maggio, alle 14, saremo sotto Palazzo San Giacomo”. Lo affermano in una nota congiunta Gennaro Tammaro e Alessio Salvato, impresari funebri e delegati di Efi (Eccellenza Funeraria Italiana) per Napoli.

“Non bastavano gli uffici sprovvisti di materiale di cancelleria, i toner comprati personalmente dagli impresari funebri per sopperire alle mancanze del Comune, la mancata installazione delle paline per le affissioni cimiteriali, il servizio comunale bloccato e non a regola (si vedano le casse in legno dei depositi). Non bastava tutto ciò: hanno anche deciso di chiudere gli uffici preposti a rilasciare gli atti necessari per le operazioni cimiteriali nel weekend, come se si potesse evitare di morire nei giorni festivi. È la goccia che ha fatto traboccare il vaso. i dirigenti ci avevo assicurato che sarebbe stato fatto il possibile per garantire che il servizio non si interrompesse il sabato e la domenica, ma dal primo maggio come avevamo denunciato già in passato”.

Il riferimento è alla chiusura dell’Ufficio Decreti e Cremazioni napoletano nei giorni rossi del calendario, con conseguente blocco delle pratiche necessarie alle imprese per procedere nelle operazioni funebri.

“Le due persone prima assegnate a questo ufficio – continuano – sono andate in pensione e rimpiazzate da due nuovi impiegati. La semplice sostituzione di queste due persone ha provocato il blocco festivo a un ufficio che per la sua delicata natura non dovrebbe mai chiudere, come accaduto fino a questa assurda inversione di rotta. Una vergogna che abbiamo già ribadito non degna della terza città d’Italia”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

'Ndrangheta, 18 fermi nel Reggino: c'è anche un sindaco - https://t.co/2TlwnhLOEI

Rapina in villa a Lanciano, il medico aggredito: "Pensavo che ci ammazzassero" - https://t.co/Qy0cnTDF2W

Di Maio: "Jobs Act? Una riforma folle che umilia le persone" - https://t.co/Gj4GLhMeph

Migranti e sicurezza, Salvini: "No asilo a richiedenti pericolosi o condannati" - https://t.co/tYzWooVHvU

Condividi con un amico