Aversa

Aversa, perché l’italiana Adele non riceve dallo Stato lo stesso interesse mostrato per Alfie?

Aversa – Strano Paese l’Italia. Si mobilita per garantire la cura ad un bambino inglese di 23 mesi destinato a morire per una malattia definita incurabile ed in fase terminale sia da validissimi specialisti, non solo britannici, sia dalla Corte Europea per la tutela dei diritti dell’uomo, e non muove un dito per tutelare il diritto costituzionale alla salute e alle cure di una cittadina italiana quarantenne affetta da sensibilità chimica multipla (Mcs). Una malattia riconosciuta persino dall’Inps, che è lo Stato, condannandola a morte lenta malgrado esista un centro capace di curarla efficacemente negli Stati Uniti d’America.

Senza dubbio, nel caso del piccolo Alfie Evans lo Stato italiano si è mosso sotto la spinta del movimento internazionale nato per sollecitare le autorità inglesi a non autorizzare la sospensione delle cure, sperando poi in un miracolo. E bene hanno fatto le autorità istituzionali italiane e i medici italiani a rendersi disponibili ad assicurare le cure del piccolo Alfie, dandogli d’urgenza la cittadinanza italiana e mettendo a disposizione un aereo militare, con un’equipe medica pronta a partire appena fosse arrivato il via libera dalle autorità inglesi.

Ma perché non si è offerta la stessa possibilità di cura ad Adele Iavazzo che potrebbe essere trattata efficacemente negli Usa? Forse perché per Adele si sono mobilitati solo la città di Aversa e il vescovo della Diocesi? Troppo poco per fare notizia sui media internazionali? Siamo certi che non è così, ma è un dato di fatto che per un cittadino inglese si sono mossi d’urgenza due ministri (Alfano e Minniti), ha speso parole di sostegno addirittura Papa Francesco, mentre per Adele, cittadina italiana dalla nascita, le Istituzioni che possono intervenire hanno fatto spallucce, lasciandola al suo destino di morte lenta.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Unable to load Tweets

Condividi con un amico