Aversa

“Aversa: l’abbandono e la follia”, visite guidate teatrali degli studenti del ‘Mattei’

Aversa – Grande partecipazione per la manifestazione “Aversa: l’abbandono e la follia” organizzata dall’istituto scolastico Mattei con il patrocinio della Città di Aversa e in collaborazione con la Diocesi, l’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici, l’ex Opg, l’Archivio storico della Maddalena, l’Asl, Nostos Teatro.  Durante il weekend sono state realizzate delle visite guidate teatralizzate messe in scena dagli studenti. Il percorso ha previsto la visita del complesso dell’Annunziata e del Museo della Ruota degli Esposti; parte del Complesso della Maddalena con il Chiostro di San Bernardino; Palazzo Saporito; chiesa di Santa Maria degli Angeli; Museo Diocesano; Museo dell’ex Opg (Ospedale psichiatrico giudiziario).

“Come amministrazione comunale – ha detto l’assessore alla Cultura Alfonso Oliva – abbiamo immediatamente aderito all’iniziativa che punta alla conoscenza ed alla valorizzazione del patrimonio culturale del territorio che equivale A ritrovare le proprie radici di appartenenza”. Dello stesso parere il consigliere comunale Francesco di Virgilio: “Gli alunni del Mattei hanno fatto vivere ai tanti visitatori momenti meravigliosi e sensazioni fortissime, riscoprendo tracce del passato dimenticato necessarie a far capire la necessità a custodire con cura, conservare, recuperare e valorizzare i beni culturali della nostra città. Il ricordo, la memoria devono servire a sentirsi parte di un luogo e della sua storia, ad essere consapevoli e responsabili, protagonisti non occasionali nella protezione dei propri valori, della propria cultura e delle proprie tradizioni”. “È stato davvero bello vedere questi ragazzi all’opera”, ha detto il sindaco Enrico de Cristofaro che malgrado un weekend ricco di appuntamenti istituzionali non ha voluto rinunciare al percorso ‘l’Abbandono e la follia’.

“Siamo sempre accanto alle Istituzioni scolastiche ed alla cultura. – continua il primo cittadino – Aversa è ricca di beni che non solo narrano la storia del nostro popolo, ma che costituiscono anche le bellezza della nostra città. Grazie al Preside Giuseppe Manica, ad Angela di Foggia ed ai ragazzi la Città di Aversa si è resa protagonista di una bella pagina di cultura. Emozionante, suggestivo e realistico è stato l’evento ‘L’abbandono e la follia’ realizzato dagli studenti delle classi quarte dell’indirizzo turistico al termine del percorso alternanza scuola-lavoro, queste le parole del dirigente scolastico Giuseppe Manica dell’Isiss “Mattei”.

“Con i loro monologhi e teatralizzazioni gli studenti hanno toccato le corde più intime dei singoli partecipanti, arrivando al cuore degli stessi. Temi, in apparenza, così lontani come l’abbandono, ma sempre attuali, come la follia, sono stati magistralmente interpretati dai ragazzi che hanno saputo coniugare sapientemente la storia della città, attraverso la presentazione di noti personaggi quali Filippo Saporito, e la scoperta delle bellezze storiche e artistiche del territorio aversano.

Il percorso alternanza “scuola-lavoro” progettato dal Mattei, sotto la guida attenta degli esperti esterni: Angela Di Foggia, Antonio Granatina, Annalisa Rascato e Mario Schiavone ha permesso non solo di evidenziare la bravura, la serietà e la professionalità degli stessi studenti ma anche di scoprire i loro “talenti”. Il dirigente conclude ringraziando l’Amministrazione comunale, l’abnegazione e l’entusiasmo dei responsabili del progetto, dei tutor scolastici e delle associazioni che hanno permesso la concretizzazione del binomio Scuola-Lavoro.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Ancona, calca in discoteca durante concerto Sfera Ebbasta: 6 morti e 120 feriti - https://t.co/4BxNIXAqtF

Napoli, il Vesuvio celebrato sulle cravatte della Maison Cilento - https://t.co/NjKXIlvgLp

Napoli, Dries Mertens alla serata di beneficenza dei commercialisti - https://t.co/MPO2R4PCfC

Teverola, l'Azione Cattolica Sant'Agnese festeggia 80 anni di vita - https://t.co/LQWQSWsH6M

Condividi con un amico