Italia

Minacce all’ex sindaco Zara, il boss Zagaria al processo: “Isolato da mesi senza motivo”

“Nel carcere di Milano-Opera non sto al 41bis, ma in un’area riservata, in cui da sette mesi sono isolato senza alcun motivo”. Lo ha dichiarato il boss Michele Zagaria intervenendo, in video-conferenza dal penitenziario milanese, al processo in corso al tribunale di Santa Maria Capua Vetere che lo vede imputato per violenza privata aggravata, insieme all’ex sindaco omonimo di Casapesenna Fortunato Zagaria e all’ex consigliere comunale Luigi Amato.

Persona offesa è un altro ex primo cittadino di Casapesenna, Giovanni Zara, in carica per pochi mesi tra il novembre 2008 e l’aprile 2009 quando fu sfiduciato dalla sua stessa maggioranza, in quanto manifestò apertamente la sua opposizione allo strapotere del boss Zagaria, in quel periodo latitante proprio a Casapesenna, paese in cui ha sempre risieduto tutta la sua famiglia.

Per la Procura antimafia, regista della “cacciata” di Zara fu Fortunato Zagaria, allora vicsindaco, che avrebbe agito per conto del boss. Lo stesso capoclan ha poi chiarito che “io non ho messaggi da lanciare a nessuno”; il riferimento è alle dichiarazioni spontanee rese nelle passate udienze in cui Zagaria aveva detto che “questo è un processo politico, Zara si sta inventando tutto e ora mi sta dando davvero fastidio. Mi sta mettendo sotto pressione, ora basta”. Peraltro, nel processo è emerso anche il progetto di attentato ai danni di Zara commissionato dal boss ai suoi uomini, idea non concretizzatasi.

Zagaria si è poi rivolto al presidente del collegio Maria Francica e al pm Maurizio Giordano: “Sulla mia situazione carceraria siete voi i miei garanti” “Non è questa la sede per parlarne” l’ha interrotto Francica. “Va bene, mi arrendo”, ha concluso l’ex superlatitante.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Unable to load Tweets

Condividi con un amico