Aversa

Aversa, crollano calcinacci dal tetto della chiesa del Seggio: residenti preoccupati

Aversa – Cadono calcinacci dal tetto della chiesa di Sant’Antonio al Seggio e i Vigili del fuoco e i tecnici comunali intervengono per mettere in sicurezza l’area antistante il portone d’ingresso, recintandola con il solito nastro bianco e rosso dall’ingresso della chiesa fino a parte del portone d’accesso al convento.

L’episodio sembra essere un segnale di pericolo per la possibile caduta di un pezzo molto più grande di cornicione presente sul tetto del complesso monumentale che, come è noto, è stato chiuso il 12 novembre 2017 perché dichiarato inagibile dagli stessi frati. Ad oggi quella dichiarazione di inagibilità trasmessa anche al proprietario dell’immobile che è il Ministero dell’Interno, Fondo Edifici di Culto (Fec), non ha avuto alcun seguito.

La relazione tecnica dettagliata, fatta fare dai frati ad un tecnico qualificato, trasmessa anche al Prefetto e al Comune di Aversa, oltre che al Ministero, che segnalava il rischio di crollo, è rimasta lettera morta ma la caduta dei calcinacci e il possibile proseguimento, in maniera massiccia, dell’evento malgrado la cosiddetta messa in sicurezza dell’area d’accesso, fatta con del semplice nastro bianco e rosso, preoccupano molto i residenti della zona. In particolare, per l’annunciato peggioramento delle condizioni meteo e per la folla che si crea nei giorni di movida.

La speranza è che qualcuno intervenga prima che si verifichi una tragedia.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Inseguiti da Polizia si schiantano contro Tir: 4 morti nel Casertano - https://t.co/hDbWXKr19Q

Discarica Resit: Cipriano Chianese condannato a 18 anni, assolti Facchi e i fratelli Roma - https://t.co/eWGOpDt5RL

Aversa, corso di formazione su "La comunicazione: viaggio tra libertà e censure" - https://t.co/wdyqoanmzc

Sant'Agata de' Goti, Antonio Piscitelli nuovo presidente della Società Operaia di Mutuo Soccorso - https://t.co/Iq7V3iOfSe

Condividi con un amico