Home

Stragi nelle scuole, l’idea “geniale” idea di Trump: censurare videogiochi e film

Durante un meeting sulla sicurezza nelle scuole americane tenutosi in seguito agli avvenimenti in Florida, Donald Trump ha commentato diversi aspetti dell’educazione, sottolineando che, a suo parere, videogiochi e film influenzano i pensieri, le idee e i comportamenti dei giovani.

“Dobbiamo fare qualcosa per quel che…vedono e come lo vedono. Anche nei videogiochi, sento che molte persone dicono che il livello di violenza nei videogiochi sta letteralmente plasmando i pensieri dei giovani…”, ha detto il presidente americano, per poi proseguire puntando il dito anche contro i film.

Non è la prima volta che le autorità mondiali puntano il dito verso i prodotti di intrattenimento e la storia ci insegna che, spesso e volentieri, mezzi di comunicazione di massa come il cinema e la televisione sono stati usati come capri espiatori in situazioni piuttosto tragiche e complicate. Oggi, insieme al cinema, tocca ancora una volta ai videogiochi, un media che sta dimostrando, sia artisticamente che tecnologicamente, di essere tra i più potenti mezzi di comunicazione mai creati dall’uomo.

Probabilmente per Trump è difficile ipotizzare che le stragi nella scuole e altri episodi di sparatorie siano imputabili soprattutto alla facilità con cui è possibile entrare in possesso di un’arma negli Stati Uniti. Inoltre, per regolamentare la vendita al pubblico di prodotti non adatti al pubblico più giovane, esistono enti di valutazione nazionali e internazionali, come l’europeo Pegi. Tuttavia, questi enti molto spesso valutano solo la copertina di film e videogiochi, essendo invece più elastici sui contenuti, ossia proprio sull’elemento più importante.

Senza dimenticare che qualsiasi tipo di azione dovrebbe essere svolta più per sensibilizzare genitori e parenti su quello che bambini e ragazzi stanno guardando o con cui stanno giocando, piuttosto che agire vietando inutilmente determinati prodotti. Ma spesso, come nel caso di Trump, è meglio trovare ridicoli capri espiatori per non scontentare il proprio elettorato, a partire dall’industria delle armi su cui gli Usa “campano” da sempre.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Villa Literno, rubavano energia elettrica da 8 anni: denunciati madre e figlio - https://t.co/1kRJJRzLxP

Giornaliste minacciate e senza scorta: ma Alessandra Tommasino e Tina Cioffo non mollano - https://t.co/pk95zjH7j7

A Napoli studenti in versione "La Casa di Carta" per protestare contro aumento tasse - https://t.co/2Tykepd91V

Aversa, perde il controllo dell'auto e si ribalta all'ingresso del Parco Pozzi - https://t.co/cJt19BEilh

Condividi con un amico