Castel Volturno - Cancello ed Arnone

Castel Volturno, spaccio all’ex Hotel Zagarella: arrestati 7 extracomunitari

Nella mattinata del 21 febbraio, a Castel Volturno, i carabinieri della stazione di Grazzanise hanno dato esecuzione a un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di 7 cittadini extracomunitari gravemente indiziati, a vario titolo, di numerose condotte di detenzione e spaccio di cocaina ed eroina. Il provvedimento pre-cautelare, eseguito dai militari del predetto Reparto, costituisce l’esito di una tempestiva quanto rapida attività investigativa, diretta dalla Procura e condotta dai carabinieri di Grazzanise, dal mese di ottobre del 2017 ad oggi, essendo stato riscontrato un allarmante fenomeno di spaccio di sostanze stupefacenti all’interno di alcuni immobili abbandonati (tra cui il noto ex Hotel Zagarella) siti a Castel Volturno.

Tali edifici rappresentano una delle poche realtà presenti sul territorio nazionale, denominate “crack house” si può procedere sia all’acquisto che alla consumazione della sostanza nello stesso luogo. Le indagini sono state condotte attraverso intercettazioni telefoniche, escussioni di persone informate sui fatti per poi arricchirsi di ulteriori elementi indizianti, tra cui le immagini riprese mediante una telecamera appositamente installata nei pressi dell’Hotel Zagarella. In tal modo si è giunti ad accertare l’identità dei 7 soggetti, di seguito indicati, a carico dei quali è stato raccolto un grave quadro indiziario in ordine alla realizzazione di molteplici episodi di cessione di sostanze stupefacenti nei confronti di acquirenti provenienti dalla provincia di Casetta e dal basso Lazio.

In particolare, i contenuti delle conversazioni captate, che avvenivano attraverso un linguaggio criptico decodificato dai carabinieri di Grazzanise (le sostanze stupefacenti veniva indicate facendo ricorso ai termini “roba “, “quella bella “, “quella brutta “, “quella chiara “, “quella scura”, “coca”, “pezzi”, “cibo”, “scarpe”, “borse”, hanno consentito di appurare e fotografare le modalità con cui gli indagati realizzavano l’illecita attività. Nel corso dell’attività d’indagine è altresì emerso che, uno degli indagati, in concorso con altro soggetto al momento non identificato, dopo aver ceduto ad un acquirente all’interno dell’Hotel Zagarella, della sostanza stupefacente del tipo eroina, ne provocava la morte che avveniva a seguito dell’assunzione della sostanza ceduta.

Contestualmente all’esecuzione del decreto di fermo sono stati sottoposti a sequestro preventivo d’urgenza gli immobili abusivamente occupati dagli indagati ed individuati quali luoghi destinati all’attività di spaccio di sostanze stupefacenti e si è altresì proceduto allo sgombero degli stessi e delle persone lì presenti. In sede di convalida, condividendo in toto l’impianto accusatorio avanzato dalla Procura, in relazione sia ai gravi indizi di colpevolezza che al concreto pericolo di fuga degli indagati, il gip ha disposto per i sette indagati sottoposti al fermo la custodia cautelare in carcere.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa (CE) - Fumo si leva dal Pronto Soccorso del "Moscati" (25.04.18) https://t.co/UMMkhDRLEp

Aversa, hashish e proiettili in casa: finisce in carcere https://t.co/Tk8oesywsh

Sant'Arpino, a PulciNellaMente spazio a scrittura creativa con Ordine Giornalisti e Corecom - https://t.co/0lqHeODCNy

Cesa, scuola materna saccheggiata: "ronde notturne" di amministratori e cittadini - https://t.co/LkCNqmqok4

Condividi con un amico