Home

Infezioni resistenti agli antibiotici, Oms: “500mila casi nel mondo”

Dalla escherichia coli allo stafilococco aureo, sono sempre di più le persone colpite da infezioni resistenti agli antibiotici: nel mondo se ne contano almeno mezzo milione. Il dato arriva dal primo rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità, ma la stima è molto inferiore alla realtà. Ad oggi, infatti, sono disponibili solo i dati relativi a 22 Paesi. Inoltre nel computo non rientrano i casi di resistenza a infezione da tubercolosi.

Il sistema di sorveglianza Global Antimicrobial Surveillance System è stato lanciato dall’Oms nell’ottobre 2015 per far fronte a un’emergenza crescente, quella di super batteri che non rispondono agli antimicrobici normalmente utilizzati per debellarli. Tra i pazienti con sospetta infezione resistente, la percentuale di quelli con batteri resistenti ad almeno uno degli antibiotici più comunemente utilizzati variava tra i diversi Paesi, da zero all’82%. La resistenza alla penicillina, la medicina usata per decenni in tutto il mondo per trattare la polmonite, variava da zero al 51% tra i paesi segnalanti. I dati “sono preoccupanti soprattutto perché i patogeni non rispettano i confini nazionali”, sottolinea Marc Sprenger, direttore del Segretariato della resistenza antimicrobica dell’Oms.

I batteri resistenti più comunemente riportati sono stati Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Staphylococcus aureus e Streptococcus pneumoniae. Non sono inclusi però i dati sulla resistenza del batterio che causa la tubercolosi (Tbc), dal momento che l’Oms fornisce aggiornamenti annuali in un rapporto specifico. Secondo quest’ultimo, nel 2016 sono stati almeno 490mila i casi di Tbc multiresistente, da aggiungere quindi al computo totale.

Dei 52 Paesi iscritti al Glass, solo 40 hanno fornito informazioni sui loro sistemi di sorveglianza nazionali e solo 22 hanno anche fornito dati sui livelli di resistenza. “Il rapporto è un primo passo fondamentale per migliorare la nostra comprensione dell’entità della resistenza antimicrobica. La sorveglianza è agli inizi, ma è fondamentale svilupparla se vogliamo anticipare e affrontare una delle più grandi minacce alla salute pubblica globale”, afferma Carmem Pessoa-Silva, che coordina il nuovo sistema di sorveglianza.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

"ErcolanoVesuvio Card", un pass per ammirare testimonianze di storia e cultura - https://t.co/mxzB2w77x7

Napoli, "La Sposa Prigioniera" in scena per "Quartieri di Vita" - https://t.co/HulK0uF6Cl

Napoli, "Sogno di essere medico": incontro del Forum Impegno Sociale - https://t.co/XdKloi5Ymh

"Carinaro esclusa dai finanziamenti per l'agro aversano", Stefano Masi attacca ex amministratori - https://t.co/JkdwZWsQNy

Condividi con un amico