Home

Catalogna, la Procura chiede il carcere per tutto il governo Puigdemont

La Procura dell’Audiencia Nazionale di Madrid, la Corte suprema spagnola, ha chiesto al giudice Carmen Lamela di emettere mandati di arresto europei per l’ex presidente catalano Carles Puigdemont e per i 4 ministri che si trovano a Bruxelles. Viene inoltre chiesto il carcere per tutti i membri del governo, accusati di “ribellione”. Unica eccezione l’ex ministro Santi Villa, che si era dimesso il giorno prima della dichiarazione di indipendenza.

La richiesta è la carcerazione preventiva senza cauzione per otto dei nove ministri che si sono presentati a Madrid per essere interrogati sui capi di imputazione contro di loro: ribellione, sedizione e malversazione di fondi pubblici.

Intanto, il legale del leader catalano destituito ha fatto sapere che Puigdemont intende collaborare con le autorità spagnole e belghe anche se non si è presentato davanti ai giudici di Madrid. Il suo avvocato Paul Bekaert ha precisato: “Il clima non è buono, è meglio prendere le distanze. Se lo chiedono, collaborerà con la giustizia dei due Paesi”.

Per Carme Forcadell, presidente del Parlamento destituito, e altri cinque deputati indipendentisti, tutti membri della presidenza, la Procura ha chiesto che siano posti sotto la “vigilanza” della polizia. L’istanza è stata presentata al giudice del tribunale spagnolo supremo, Pablo Llarena. Attesa a breve una decisione del magistrato su possibili misure cautelari.

I sei deputati si sono presentati alla Corte suprema spagnola ma non sono stati interrogati e le loro udienze sono state aggiornate, su richiesta dei loro difensori. Sono accusati dalla Procura di sedizione e ribellione, reati che comportano pene in carcere, rispettivamente, fino a 15 e 30 anni. La richiesta di rinvio è dovuta, dicono i difensori, all’esiguità dei tempi concessi, due giorni soltanto, per preparare gli interrogatori, che dovrebbero svolgersi giovedì 9 novembre.

Migliaia di catalani si sono fermati per un minuto di silenzio, rispondendo all’appello delle organizzazioni della società civile indipendentista per protestare contro il “processo politico” avviato contro il Govern. In centinaia si sono riuniti davanti al Palazzo della Generalitat di Barcellona gridando “Puigdemont è il nostro presidente” e cantando l’inno di Els Segadors.

La Guardia civil spagnola ha perquisito il commissariato centrale dei Mossos d’Esquadra a Lleida, in Catalogna. La polizia nazionale intende sequestrare le registrazioni delle comunicazioni interne tra gli agenti locali di domenica primo ottobre, giorno del referendum sull’indipendenza regionale. Recentemente diverse sedi periferiche dei Mossos sono state passate al setaccio dai poliziotti di Madrid.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, la commercialista Giusy Affinito candidata di "Si Può Fare" - https://t.co/paj1XJKJKP

San Tammaro, 4mila pacchetti di sigarette nascosti in auto: 2 arresti https://t.co/T09Rjpf4Kj

Vitalizi, l'ex ministro Landolfi prende a schiaffi l'inviato di Giletti - https://t.co/KmgEeuDEsM

Berlusconi contro i 5stelle: "Nella mia azienda pulirebbero i cessi". Salvini: "Così si chiama fuori" - https://t.co/38Tq2r5FuO

Condividi con un amico